Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 22 LUGLIO 2019
Abruzzo
segui quotidianosanita.it

Abruzzo. Forza Italia sfiducia l'Assessore Paolucci

Chiusura dei punti nascita e ticket sanitari al centro della mozione. Paolo Gatti, vice presidente del Consiglio regionale: “Su temi fondamentali come la sanità questo governo regionale sta dimostrando confusione e approssimazione; sappiamo che bisogna riformare il sistema, ma non c'è un disegno organico né un chiaro punto di arrivo".

13 LUG - Ne avevano chiesto le dimissioni e ora il gruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale dell’Abruzzo ha presentato una mozione di sfiducia contro l’assessore alla sanità Silvio Paolucci. Tra le ragioni, ci sono le iniziative finalizzate alla riorganizzazione della sanità in Abruzzo, in particolare i Punti nascita e Ticket sanitari. "Su temi fondamentali come la sanità – afferma in una nota il Vice Presidente del Consiglio regionale, Paolo Gatti – questo governo regionale sta dimostrando confusione e approssimazione; sappiamo benissimo che bisogna riformare il sistema e sicuramente non siamo un cartello del ’no’ avendo anche amministrato ma non possiamo rimanere impassibili di fronte a questo modo di prendere decisioni sulla chiusura dei Punti nascita, sul ridimensionamento dei pronto soccorso e sulla compartecipazione. Non c'è nessun disegno organico né un chiaro punto di arrivo, non si comprende quale dovrebbe essere la Regione che sarà riconsegnata agli abruzzesi alla fine di questo percorso. Il nostro lavoro continuerà ad essere responsabile e mirato alla riduzione del danno; la situazione è sotto gli occhi di tutti e dimostra che il governo D'Alfonso vive alla giornata e porta avanti scelte stocastiche, casuali, senza un quadro d'insieme, a danno degli abruzzesi", conclude Gatti.


"Abbiamo presentato la mozione di sfiducia nei confronti di Paolucci – ha spiegato il Presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo - perché si è reso responsabile di un comportamento irrispettoso della volontà del massimo organo rappresentativo come la Conferenza dei Capigruppo. Il 30 giugno scorso nel corso della riunione, mentre i nostri tecnici smontavano le tesi della maggioranza, Paolucci rispondendo a una mia precisa domanda spiegava che non erano stati adottati provvedimenti che disponevano la chiusura dei Punti nascita. Assolutamente falso perché il giorno prima era stata firmata la chiusura di Atri, il giorno stesso, il 30 giugno, quella di Penne mentre il 3 luglio è arrivato il provvedimento per Ortona. Voglio ricordare che 3 giorni fa il Sottosegretario alla Sanità Di Filippo ha confermato le nostre tesi: i Punti nascita oltre i 500 parti sono fuori dalle chiusure (quindi Atri e Ortona) così come è possibile una deroga per Penne e Sulmona da considerarsi tra le nelle zone montane e disagiate. Questo appiattimento, questo arrendersi alle direttive ministeriali, significa che saranno accettati i dettami del Decreto Lorenzin e questo vuol dire che in Abruzzo resteranno solo 2 ospedali. Intanto ci avevano garantito che entro luglio saremmo usciti dal Commissariamento ma ciò non avverrà e più avanti ne spiegheremo i motivi".

Il capogruppo Lorenzo Sospiri ha annunciato per domani mobilitazione popolare di sindaci, comitati e cittadini per dire no alla chiusura dei punti nascita di Atri, Ortona, Penne e Sulmona, “strutture che possono essere messe in sicurezza con costi contenuti”, Nel frattempo, in Aula, “continueremo l'ostruzionismo sui ticket per la compartecipazione e per questo abbiamo riscritto il Regolamento. Stiamo parlando di 16 milioni di euro che gravano su Comuni e utenti e la nostra è una battaglia per la salvaguardia dello stato sociale e delle amministrazioni locali. Noi proponiamo di garantire ai Comuni un contributo, certo e complessivo, per la compartecipazione; anticipare le somme da erogare previa rendicontazione delle prestazioni; non espropriare le pensioni lasciando una quota per il pagamento".

13 luglio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Abruzzo

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy