Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 10 DICEMBRE 2019
Speciali

Piano punti nascita: Fazio in audizione alla Camera

17 NOV - Nel giorno in cui si chiudeva il Congresso nazionale Sigo-Aogoi, il ministro della Salute Ferruccio Fazio era in audizione in commissione Affari Sociali della Camera a presentare il Piano per il riordino dei punti nascita che, ha annunciato il ministro, dovrebbe ricevere il via libera della Conferenza Stato-Regioni il prossimo 1° dicembre.
Parlando ai deputati, Fazio ha ricordato che il Piano è stato elaborato con la collaborazione dei ginecologi della Sigo e dell'Aogoi. L'on. Anna Margherita Miotto ha però voluto sottolineare come la commissione stessa stia lavorando da tempo con una serie di progetti di legge che, in pratica, sono stati ‘scavalcati’ dal Piano presentato recentemente dal ministro e consegnato il 3 novembre scorso in conferenza Stato-Regioni. Piano di cui, “peraltro, abbiamo dovuto apprendere i contenuti sui giornali – ha lamentato Miotto, rivolta al ministro – perché il ministero, ad oggi, non ci ha inviato alcuna copia da visionare, pur sapendo che da settimane la commissione è riunita in audizione sulla stessa materia”. Miotto ha quindi avanzato l’ipotesi di sospendere i lavori sui progetti di legge presentati in commissione per avviare un confronto sul Piano proposto da Fazio.

Nel corso dell’audizione Fazio ha illustrato i punti principali del Piano partendo da uno degli obiettivi primari: abbattere il ricorso al taglio cesareo. “Non ci sono evidenze sul fatto che i cesarei effettuati in Italia siano associati al rischio della condizione materno-fetale né che comportino esiti di assistenza migliore”, ha osservato Fazio. L’alto tasso di ricorso al cesare, così come la grande variabilità regionale e intraregionale, secondo il ministro è “indice di un comportamento clinico assistenziale inappropriato”, dovuto sia a “carenze strutturali e organizzative” che “culturali”.
Fazio ha quindi sottolineato come le azioni che compongono il Piano siano state elaborate e condivise con le maggiori associazioni italiane di ginecologi, l’Aogoi e la Sigo, utilizzando “un approccio che non guarda solo al parto, bensì all’intero percorso nascita”.
 
Si va così dalla chiusura dei punti nascita con meno di 500 parti all’anno che però, ha spiegato il ministro, “sarà progressiva e non tout court”, ma in base alle esigenze dei territori.

Tra le novità previste dal Piano, anche l’individuazione di criteri di premialità per le strutture e i direttori generali, di dipartimento e di struttura complessa che raggiungeranno i risultati migliori. Attenzione però, ha osservato il presidente della Commissione, Giuseppe Palumbo, “a non associare la premialità alla mera riduzione numerica dei cesarei”. Nessun rischio, ha replicato il ministro, perché il sistema sarà basato sull’“appropriatezza legata agli esiti”, cioè sulla “verifica delle attività cliniche che rientrano nei criteri di appropriatezza e danno il migliore esito”.
 
A conclusione dell’audizione, il ministro e la commissione hanno stabilito di incontrarsi nuovamente il prossimo mercoledì, 24 novembre, per continuare il confronto sul Piano.
 
 

17 novembre 2010
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy