Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 GIUGNO 2019
Speciali

Spesa personale sanitario: al Sud ogni dipendente costa 15mila euro in più che al Nord

12 APR - In Italia, nel 2008, gli operatori impegnati nel settore sanitario sono 688.006. Per il personale, stando ai dati del Rapporto Ceis, sono stati spesi € 35.176,9. Analizzando il costo medio per unità di personale, si registra però una differenza di ben € 14.709,3 tra il Nord e il Sud del Paese. Visto che la spesa per il personale incide per un terzo sulla spesa sanitaria pubblica totale, quanto gravano queste differenze sul bilancio sanitario nazionale?  In termini reali, nel periodo 2001-2008, la spesa per il personale è cresciuta in Italia dell’ 1,3% medio annuo: 1,3% al Nord, 1,4% al Centro e 1,2% al Sud.
La Regione con il numero più alto di personale sanitario in servizio è la Lombardia, con i suoi 102.418 impiegati, di cui, 14.914 medici e 87.504 personale non medico. A seguire si piazzano rispettivamente il Veneto con i suoi 59.609 impiegati ( 8.182 medici e 51.323 personale non medico), e l’Emilia Romagna con 59.209 occupati nel settore sanitario (8.806 medici e 50.315 personale non medico). La Regione che invece fa segnare il numero più basso di personale è la Valle d’Aosta con i suoi 2.036 lavoratori sanitari (324 medici). Il totale del personale medico operante nel nostro Paese ammonta dunque a  117.873 unità.
Passando poi ad analizzare le Regioni con una spesa pro-capite per personale per popolazione pesata (vedi Tabella 1), possiamo notare come quelle con un costo più alto, siano tutte Regioni a statuto speciale: Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia. Quelle invece con una spesa più bassa sono la Lombardia, la Puglia e il Lazio. Tra le Regioni con spesa più alta e quelle con spesa inferiore c’è un gap di ben € 342,04.
Passando infine al costo medio per unità di personale, possiamo osservare come nel 2006, in Italia il dato si assesta a € 61.142,85. (vedi Tabella 2)
Analizzando le ripartizioni, vediamo come il Nord si collochi al di sotto della media nazionale (€ 55.740,62), il Centro in media (€ 60.829,56) e il Sud nettamente al di sopra (€ 70.449,22).
La spesa per dipendente, tra il 2001 e il 2006, è cresciuta dell’8,0% medio annuo così distribuito: 7,1% al Nord, 7,5% al Centro e 9,7% al Sud.
Quindi, non solo al Sud il personale ha un costo ben più elevato, ma questo divario è costantemente cresciuto nel periodo preso in considerazione.
Scendendo però nel dettaglio, possiamo ancora osservare come le Regioni con un livello di spesa per dipendente superiore, nel 2006, siano la Valle d’Aosta e la P.A. di Bolzano; mentre quelle con una spesa più bassa, Lombardia e Friuli Venezia Giulia. Si potrebbe quindi concludere che la maggiore quota di spesa per personale nel Sud sembri da imputarsi più al costo medio che non alla numerosità. In questo caso il gap tra il Nord ed il Sud del Paese ammonta a € 14.709.03, quindi i margini di risparmiamo, anche in questo campo, sembrano consistenti.
 

Tabella 1 - Spesa pro-capite per il personale a popolazione pesata - Valori in €

Regioni

2008


Italia

 590,03

Nord

 593,11

Centro

 600,95

Sud

 579,64

Piemonte

 621,94

Valle d'Aosta

 853,06

Lombardia

 511,02

Trentino A.A.

 895,60

Veneto

 564,45

Friuli Venezia G.

 716,25

Liguria

 623,77

Emilia Romagna

 647,74

Toscana

 648,02

Umbria

 632,89

Marche

 616,21

Lazio

 557,83

Abruzzo

 587,35

Molise

 654,95

Campania

 560,90

Puglia

 512,24

Basilicata

 622,59

Calabria

 618,73

Sicilia

 605,96

Sardegna

 644,25




Fonte: elaborazione Ceis Sanità su dati Ministero della Salute

 
 

 Tabella 2 - Costo medio per unità di personale - Valori ass. in € e Variazioni %

Regioni

2001

2006

Var. media annua 2006/2001


Italia

 41.608,04

 61.142,85

 8,00

Nord

 39.459,73

 55.740,62

 7,15

Centro

 42.410,88

 60.826,58

 7,48

Sud

 44.394,26

 70.449,92

 9,68

Piemonte

 39.755,11

 60.829,56

 8,88

Valle d'Aosta

 46.479,29

 92.333,62

 14,71

Lombardia

 37.522,13 

 45.382,99

 3,88

P.A. Bolzano

 62.969,46

 79.508,15

 4,77

P.A. Trento

 43.460,85

 63.043,29

 7,72

Veneto

 39.552,70

 62.151,95

 9,46

Friuli Venezia G.

 35.615,40

 49.200,44

 6,68

Liguria

 39.658,81

 55.080,88

 6,79

Emilia Romagna

 40.747,45

 67.347,01

 10,57

Toscana

 39.975,13

 69.844,06

 11,81

Umbria

 42.948,36

 69.641,92

 10,15

Marche

 44.552,56

 66.667,35

 8,39

Lazio

 43.948,78

 52.666,05

 3,69

Abruzzo

 40.825,31

 60.340,77

 8,13

Molise

 46.627,79

 62.600,54

 6,07

Campania

 47.239,57

 72.103,89

 8,83

Puglia

 43.083,62

 67,723.21

 9,47

Basilicata

 46.761,01

 69.470,41

 8,24

Calabria

 44.363,48

 74.028,79

 10,78

Sicilia

 44.882,48

 72.596,66

 10,10

Sardegna

 40.242,39

 71.922,21

 12,31

Fonte: elabrazione CEIS Sanità su dati Ministero della Salute
 
Giovanni Rodriquez

12 aprile 2011
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy