Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 LUGLIO 2019
Basilicata
segui quotidianosanita.it

Strutture private accreditate. Audizioni in commissione Salute. Aspat: “No a tetti di spesa”

L’obiettivo della delibera è stabilire, per 2015, un tetto totale di spesa regionale per le prestazioni di specialistica ambulatoriale da privato accreditato. Ma per l’Aspat il provvedimento è “molto deludente” e “punitivo vero i centri che sopperiscono alle carenze del pubblico”.

12 NOV - La delibera di Giunta regionale (n. 1413 del 3 novembre 2015) che stabilisce indirizzi per la definizione dei tetti di spesa alle strutture private accreditate eroganti prestazioni di assistenza ospedaliera e di specialistica ambulatoriale (ex art. 25 L. n. 833/1978), al centro dei lavori pomeridiani della quarta Commissione consiliare presieduta da Luigi Bradascio (Pp).

Auditi il dirigente dell’ufficio Pianificazione sanitaria del dipartimento Politiche della persona, Giuseppe Montagano e la funzionaria Gabriella Sabino. Sullo stesso argomento è stata ascoltata anche la presidente dell’Aspat Basilicata (Associazione sanità privata accreditata territoriale), Antonia Losacco.

Montagano e Sabino hanno illustrato la finalità della delibera tesa a stabilire, per il solo anno 2015, il tetto totale di spesa regionale (pari a circa 25 milioni di euro) per le prestazioni di specialistica ambulatoriale da privato accreditato in favore dei cittadini residenti nella Regione Basilicata.

“Con il provvedimento – ha precisato Montagano, secondo quanto riferito da una nota del Consiglio – si ottempera alle disposizioni dettate dal Governo in seguito al ricorso con il quale è stato impugnato l'art. 12 della LR 5/2015.  In particolare, in merito alla spesa per prestazioni specialistiche ed ospedaliere acquistate da privato, si prevede una riduzione dell'importo e dei corrispondenti volumi di acquisto in misura percentuale fissa tale da ridurre la spesa complessiva annua, rispetto alla spesa consuntivata per l'anno 2011”. “A decorrere dall'anno 2014 – ha spiegato Sabino -, la spesa complessiva non può superare il valore consuntivato nell'anno 2011 al lordo della mobilità attiva e ridotto del 2%”.


Montagano ha poi precisato che “in attesa della decisioni del Governo in merito all’opposizione presentato dal presidente della Regione con la quale si documentano le motivazioni che consentono di poter escludere dal calcolo del tetto di spesa per l’acquisto di prestazioni da privato, la spesa per prestazioni in mobilità sanitaria attiva, sono stati stabiliti indirizzi di carattere generale per la definizione dei tetti di spesa. E’ stato stabilito che le Aziende Sanitarie Locali possono sottoscrivere contratti con le strutture private accreditate già contrattualizzate nell'anno 2014 e possono, altresì, sottoscrivere contratti con le strutture private accreditate già contrattualizzate negli anni precedenti al 2014 per le quali, per motivazioni di carattere giudiziario, sia stato sospeso o revocato il relativo contratto e la posizione sia stata definita con proscioglimento senza attribuzione di responsabilità. Il tetto di spesa da assegnare alle singole strutture private accreditate – ha precisato il dirigente dell’ufficio Pianificazione sanitaria - è calcolato nell'ambito del tetto complessivo regionale secondo un criterio di equità e in maniera proporzionale al valore massimo tra la media dei tetti assegnati nel triennio 2012-2014 e la media dei relativi fatturati dello stesso triennio 2012-2014”.

Sullo stesso argomento è intervenuta la presidente dell’Aspat Basilicata (Associazione sanità privata accreditata territoriale), Antonia Losacco secondo la quale “il provvedimento della Giunta regionale è non solo molto deludente perché non tiene conto in alcun modo delle richieste delle strutture sanitarie private accreditate, ma punisce tutti i centri che sul territorio sopperiscono alle carenze del pubblico. I criteri adottati per la determinazione dei tetti di spesa – ha aggiunto Losacco – sono illegittimi in quanto non rispettano i principi della concorrenza e della libera scelta. Si sta adottando una politica dei ‘due pesi e due misure’ nei confronti di altri soggetti privati quali l’Aias e la Clinica Luccioni. Chiediamo che si applichi la riduzione del 2% al consuntivo 2011 di ciascuna struttura privata accreditata. La Pubblica Amministrazione - ha concluso - non può continuare ad amministrarci facendoci conoscere il budget a fine anno dopo aver eseguito le prestazioni".

La presidente dell'Aspat Basilicata ha poi annunciato la volontà di avviare una vertenza a tutela degli interessi legittimi delle strutture rappresentate. "Il problema delle risorse è delicato e i tagli applicati non hanno nessuna finalità in termini di appropriatezza o di qualità e di crescita dei servizi erogati perché - ha detto -rispondono solo ad un principio ragionieristico e contabile”.

Losacco, riferisce ancora la nota del consiglio regionale, ha poi evidenziato l’esigenza della riprogrammazione dell’attività delle prestazioni domiciliari secondo il principio di appropriatezza del bisogno; del recepimento delle nuove linee guida sulla riabilitazione; della definizione per ciascuna struttura privata della capacità operativa massima in relazione ai requisiti funzionali e strutturali posseduti; dell’adeguata proporzione tra il numero degli operatori assunti con Ccnl e personale che collabora in regime libero-professionale; dell’adeguata proporzione tra il numero degli operatori e il volume delle prestazioni erogate in relazione al tetto di spesa assegnato.
 

12 novembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Basilicata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy