Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 27 GENNNAIO 2020
Campania
segui quotidianosanita.it

Campania. Tatuaggi e piercing in condizioni di sicurezza, parte il corso della Asl Napoli 3 Sud

Il corso è rivolto agli addetti alle attività di tatuaggi e piercing. "Tali pratiche possono comportare il rischio di trasmissione di infezioni causate da agenti patogeni a trasmissione ematica oltre che di infezioni cutanee ed altre patologie, anche gravi, se non vengono scrupolosamente applicate idonee misure igieniche e di prevenzione”.

07 APR - E' partito il 4 aprile il corso di formazione per gli addetti alle attività di tatuaggi e piercing promosso dal dipartimento di prevenzione dell’Asl Napoli 3 Sud con sede a Pompei. Il percorso formativo ha cadenza settimanale, sarà svolto di lunedì dalle 15:00 alle 20:00 e si concluderà il 13 giugno. Le lezioni si svolgeranno presso la sala conferenze del distretto sanitario 58, in via Unità d’Italia a Pompei.

“Il ricorso a questi interventi sul corpo – spiega una nota - ha avuto negli ultimi anni una diffusione crescente in tutta Italia, Campania compresa, risultando particolarmente diffuse tra gli adolescenti ed i giovani adulti di entrambi i sessi. Piercing è un termine inglese che significa ‘forare’. Attraverso interventi cruenti più o meno dolorosi, vengono applicati anelli metallici o altri oggetti in varie zone del corpo, soprattutto del viso, padiglioni auricolari, naso, labbra e lingua, arcata sopraciliare. L’attività di tatuaggio consiste nell’inserimento di sostanze chimiche (pigmenti) di diverso colore negli strati intracutanei (derma), con lo scopo di rendere visibile e permanente un effetto cromatico e decorativo sulla pelle, detto ‘tatuaggio ornamentale’. Risulta evidente, pertanto, che le pratiche di tatuaggio e piercing, per loro stessa definizione e natura, se non effettuate secondo tecniche ed accorgimenti appropriati, possono aumentare, anche sensibilmente, i rischi per la salute sia degli utenti che dei praticanti”.


In particolare, si evidenzia, “le procedure che implicano l’impiego a fini non terapeutici di aghi e taglienti possono comportare il rischio di trasmissione di infezioni causate da agenti patogeni a trasmissione ematica oltre che di infezioni cutanee ed altre patologie, anche gravi, se non vengono scrupolosamente applicate idonee misure igieniche e di prevenzione”.

07 aprile 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Campania

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy