Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 15 LUGLIO 2019
Campania
segui quotidianosanita.it

Formazione Medici e professionisti sanità. Tutti gli Ordini e Collegi sanitari campani a Salerno

Oggi la Tavola rotonda con tutti i Presidenti regionali e provinciali degli Ordini e Collegi sanitari coinvolti nel programma nazionale Ecm e i responsabili dei programmi di formazione delle aziende pubbliche e private accreditate con il Ssr. E intanto la Federico II presenta i dati del progetto pilota per l'orientamento a Medicina messo in campo lo scorso anno nei licei napoletani: dei 250 aspiranti il 72% ha sostenuto i test e il 37%  è riuscito ad accedere.

01 APR - Gli strumenti della comunicazione e l’informatizzazione al servizio dell’aggiornamento dei medici e di tutti i professionisti della Sanità, oltre alle novità della formazione continua, sono gli argomenti al centro di un Convegno in corso al Grand Hotel Salerno in programma oggi sabato 1 aprile. A una Tavola rotonda partecipano tutti i Presidenti regionali e provinciali degli Ordini e Collegi sanitari coinvolti nel programma nazionale Ecm e i responsabili dei programmi di formazione delle aziende pubbliche e private accreditate con il Ssr, presenti nel territorio provinciale.

Responsabile scientifico è il presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Salerno Giovanni D’Angelo. Relatori Sergio Bonvenga, Giulia Marini, Attilio Maurano e Massimiliano Panella. Il Convegno rappresenta un momento di confronto con il consorzio Gestione anagrafiche sanitarie, Ente deputato a certificare la formazione dei professionisti della Sanità.

“L’avvio del nuovo triennio di formazione Ecm – dice il presidente D’Angelo - e il contestuale rinnovo dell’accordo Stato-Regioni che ne regola tempi e modalità di esecuzione, impone un momento di riflessione sulla formazione Ecm in sanità, che veda insieme tutte le professioni sanitarie coinvolte nel programma nazionale. Numerose sono le sfide che si profilano per i professionisti, in primis il cambio di mentalità e di significato che dobbiamo dare alla formazione professionale: non più un obbligo, ma un’opportunità di crescita e qualificazione professionale. Ne sono chiara testimonianza le confermate premialità mantenute per i professionisti, che sono risultati in regola con l’adempimento dell’obbligo formativo nel triennio precedente; la prospettiva aperta per una certificazione di aggiornamento che non guardi alla quantità di eventi effettuati, ma soprattutto alla qualità ed alla coerenza del percorso formativo ad esempio mediante i dossier formativi individuali e di gruppo; la fiducia che il legislatore ha riposto anche nel professionista che potrà certificare da sé quanto acquisito in autoapprendimento; la scommessa della Fad, strumento sicuramente economico ed elastico, che pur tuttavia presenta ancora delle criticità relativamente alla qualità ed alla verifica dell’aggiornamento fornito e che si pone quasi in contraddizione con la raccomandazione di optare per attività che più che di formazione siano di addestramento e progettati per una fruizione da parte di piccoli gruppi”.


L’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Salerno, presieduto da Giovanni D’Angelo, guarda inoltre all’innovazione e, tra i primi in Italia, offre ai propri iscritti la possibilità di accedere alla Biblioteca medica virtuale, una guida all’utilizzo della formazione continua, l’aggiornamento sistematico e appropriatezza nella pratica clinica.


Orientamento alla scelta di medicina, Federico II in campo. E in tema di orientamento e formazione, questa volta degli aspiranti medici, in linea con gli indirizzi dell’accordo tra Miur- e Fnomceo per la formazione in aula e la didattica laboratoriale, la Federico II ha presentato il risultato del progetto pilota messo in campo lo scorso anno con sei licei napoletani per l’orientamento delle studentesse e degli studenti interessati a misurarsi con i test per l’accesso programmato prima e con il corso di studi in medicina dopo. Tre incontri più un seminario per verificare in corsia l’attitudine e la motivazione ad iscriversi al corso di studi in Medicina. Dei 250 aspiranti medici coinvolti nel progetto il 72 per cento ha poi sostenuto i test e ben il 37% per cento è riuscito ad accedere alle Facoltà contro la media nazionale, nel biennio 2015/2016, del 17,7 per cento. Dato che diventa ancora più significativo considerando che, al termine del primo anno, il 73 per cento del campione di riferimento era in regola con gli esami con una media del 27.2, (solo il 22 per cento è indietro di 1 o 2 esami ed appena il 5 per cento di più di 2 esami), dimostrando che un adeguato e corretto orientamento è fondamentale ai fini di una scelta consapevole e motivata, in grado di proiettare ad un futuro di successo.

"La formula del nostro progetto - spiega Gabriella Fabbrocini - consente agli studenti non solo di conoscere approfonditamente piani di studio, strutturazione dei corsi e sbocchi professionali, ma anche di mettere alla prova, sul campo, motivazioni e inclinazioni e verificare personalmente che quella del medico è la figura professionale in cui più si integrano e diventando scelta di vita il sapere, saper fare e saper essere". 

01 aprile 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Campania

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy