Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 OTTOBRE 2018
Campania
segui quotidianosanita.it

Asl Napoli 1 Centro. Scontro sindacati-Direzione Aziendale: “No alla richiesta di convenzioni per Ospedale del Mare. Mortificate le professionalità mediche dei presidi”

La richiesta di convenzione per esperti in urgenze chirurgiche e traumatologia ortopedica per attivare il Ps dell’ospedale del Mare, avanzata alle altre Ao, e motivata con la considerazione che professionisti dei presidi della Asl “non avrebbero un’esperienza di complessità in linea con le future esigenze” ha scatenato le reazioni dei sindacati. La Direzione aziendale chiarisce e si apre al confronto

16 MAG - “La direzione della Asl Napoli 1 Centro revochi immediatamente la richiesta di convenzione, avanzata alle altre aziende ospedaliere della Campania, per reperire esperti in urgenze chirurgiche e traumatologia ortopedica da destinare all’ospedale del Mare di Napoli motivando tale necessità con la considerazione che professionisti che operano nell’azienda non hanno ancora maturato un’esperienza di complessità in linea con le future esigenze del Dea di II livello”.
 
È quanto hanno chiesto, in una nota di fuoco, le organizzazioni sindacali Anaao Assomed, Anaao Assomed settore dirigenza sanitaria, Cgil Medici, Feder Medici Uil Fpl, Anpo Ascoti, Cisl Medici e Ugl Medici, secondo i quali la richiesta della Direzione Aziendale “mortifica la professionalità del personale medico, chirurghi ed ortopedici in servizio presso i Pronto soccorso e Dea dell’Azienda che da sempre ed ancora oggi hanno dimostrato e dimostrano sul campo le proprie capacità affrontando ogni tipo di emergenza chirurgica ed orto-traumatologica in un contesto operativo peraltro ai limiti della sufficienza”.

 
Anzi, controbattono i sindacati, i professionisti dell’Asl Napoli 1 “pur ridotti nel numero” hanno “competenza e professionalità idonee alle richieste necessità dell’Azienda e mai hanno fatto mancare nei confronti dei cittadini il proprio contributo di professionalità garantendo risposte tempestive ed adeguate”. E aggiungono che “nel caso l’azienda fosse di diverso avviso, dovrebbe trarne le inevitabili conseguenze, disponendo l’immediata sospensione delle attività di chirurgia d’Urgenza e di traumatologia ortopedica in tutti i Pronto Soccorso dei presidi ospedalieri a tutela dell’incolumità del cittadino”.
 
Le sigle hanno chiesto quindi l’apertura di un tavolo di confronto per attivare le soluzioni più idonee all’apertura del Ps dell’Ospedale del Mare riservandosi azioni sindacali qualora le richieste non fossero rispettate.
 
E la proposta dell’apertura di un tavolo di confronto tecnico con i sindacati è stata accolta dalla Direzione aziendale e, in una nota, chiarisce le motivazioni della richiesta di convenzione, specificando che la richiesta, oggetto di censure da parte sindacale, è sicuramente “infelice” in qualche passaggio e per questo “ne è derivata un’interpretazione errata che non rispecchia la vera volontà e intenzione dell’Azienda”. Si esprime inoltre l’apprezzamento dei sindacati nel voler dare “il massimo contributo di tutte le competenze professionali mediche interne all’Azienda per trovare le soluzioni più idonee per l’apertura in sicurezza del Pronto soccorso”.
 
“Bisogna ricordare – si legge nella nota della Direzione – che per garantire la attivazione dei reparti previsti presso l’Ospedale del Mare, l’Azienda ha fatto spesso ricorso esclusivamente alle professionalità mediche operanti in Azienda che hanno dato un valido supporto nelle fasi iniziali di avvio delle attività ambulatoriali, chirurgiche e di elezione del plesso. Va precisato, a questo punto, che si prende atto che la richiesta di disponibilità di convenzione per esperti in urgenze chirurgiche e traumatologia ortopedica (nota prot. N° 31398 del 9/5/2018), inoltrata a tutte le Aziende Ospedaliere della Regione sedi di DEA II° livello, ed oggetto di censure da parte sindacale, è sicuramente infelice in qualche passaggio e da ciò, purtroppo, ne è derivata un’interpretazione errata che non rispecchia la vera volontà e intenzione dell’Azienda”.
 
Insomma, la nota merita, quindi, dei dovuti chiarimenti per evidenziare meglio le ragioni per le quali è stata fatta. “Lo scopo principale – prosegue la Direzione aziendale – è quello di avere in via preventiva e cautelativa, e solo qualora ve ne fosse bisogno nelle more della conclusione delle procedure concorsuali in corso, la disponibilità di altre aziende ospedaliere a stipulare convenzioni  per la immediata gestione del paziente politraumatizzato maggiore, vista la prossima attivazione del Pronto Soccorso dell’Ospedale del Mare (data prevista come obiettivo 30.6.2018) DEA di II livello nonché Centro Traumi di alta Specializzazione.  Dati i ben noti tempi burocratici amministrativi per stipulare convenzioni con altre aziende si è ritenuto quindi di acquisire in tempo utile eventuali disponibilità da parte di altre aziende ospedaliere. È del tutto evidente che la disponibilità di una o più aziende ospedaliere a stipulare convenzioni non vincola affatto la Asl NA1 a doverle stipulare con ricorso a professionisti esterni perché la/le convenzione/i  saranno eventualmente stipulate solo in caso di impossibilità oggettiva a far fronte con personale interno alle necessità ed urgenze che l’apertura di un Ps comporta”.

16 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Campania

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy