Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 SETTEMBRE 2018
Cronache
segui quotidianosanita.it

La salute nel mondo nelle nuove statistiche dell'Oms

19 MAG - Progressi verso gli SDG: una selezione di dati tratti dalle statistiche sanitarie mondiali 2018

SDG3: Garantire una vita sana e promuovere il benessere per tutte le età

Obiettivo 3.1: entro il 2030, ridurre il tasso globale di mortalità materna a meno di 70 per 100.000 nati vivi
• 303.000 donne sono morte a causa di complicazioni della gravidanza o del parto nel 2015. Quasi tutti questi decessi si sono verificati nei paesi a basso e medio reddito (99%). Ridurre la mortalità materna dipende in modo cruciale dall'assicurare che le donne abbiano accesso a cure di qualità prima, durante e dopo il parto.
• I dati disponibili dal 2007 mostrano che in meno della metà di tutti i parti in diversi centri a basso e medio reddito i paesi sono stati assistiti da personale sanitario qualificato. Globalmente si stima che il 40% di tutte le donne incinte non abbia ricevuto cure prenatali precoci nel 2013.

Obiettivo 3.2: entro il 2030, interrompere le morti evitabili di neonati e bambini sotto i 5 anni di età, in tutti i paesi che intendono ridurre la mortalità neonatale a un minimo di 12 su 1.000 nati vivi e la mortalità infantile sotto i 5 anni almeno fino a 25 su 1000 nati vivi

• I tassi di mortalità sotto i cinque anni hanno continuato a migliorare nel 2016 scendendo a 41 su 1.000 nati vivi dai 93 per 1.000 nati vivi del 1990. Tuttavia, ogni giorno nel 2016, 15.000 bambini sono morti prima di raggiungere il quinto compleanno. La mortalità neonatale è scesa da 37 su 1.000 nati vivi nel 1990 a 19 per 1.000 nati vivi nel 2016.
• I bambini più piccoli che sopravvivono, migliorano la sopravvivenza dei bambini più grandi (5 anni - 14 anni). Circa 1 milione di questi bambini sono morti nel 2016 da cause prevenibili.

Obiettivo 3.3: entro il 2030, porre fine alle epidemie di AIDS, tubercolosi, malaria e malattie tropicali trascurate e combattere l'epatite, le malattie trasmesse dall'acqua e altre malattie trasmissibili
• Nel 2016, circa 1 milione di persone sono morte per malattie correlate all'HIV. L’aumento globale della terapia antiretrovirale (ART) è stata il principale motivo del declino del 48% dei decessi nei casi di HIV dal picco di 1,9 milioni nel 2005. Tuttavia, l'ART ha raggiunto solo il 53% delle persone che vivono con l'HIV alla fine del 2016.
• Dopo guadagni globali senza precedenti nel controllo della malaria, i progressi si sono fermati. Globalmente, sono stimati 216 milioni di casi di malaria verificati nel 2016, rispetto a 237 milioni di casi nel 2010 e 210 milioni nel 2013. La sfida principale che i paesi affrontano contro la malaria è la mancanza di finanziamenti sostenibili e prevedibili.

Obiettivo 3.4: entro il 2030, ridurre di un terzo la mortalità prematura dovuta a malattie non trasmissibili attraverso la prevenzione e il trattamento e promuovere la salute mentale e il benessere
• La probabilità di morire di diabete, cancro, malattie cardiovascolari e polmonari croniche tra 30 e 70 anni è scesa al 18% nel 2016, in calo dal 22% dal 2000. Gli adulti nei paesi a basso e medio reddito hanno dovuto affrontare i rischi più alti, quasi il doppio di quelli per gli adulti nei paesi ad alto reddito. Il numero totale di morti da malattie non trasmissibili è in aumento a causa della crescita della popolazione e dell'invecchiamento.
• Nel 2016 si sono verificati quasi 800.000 decessi per suicidio, con il tasso più alto in Europa (15,4 per 100.000 abitanti).

Obiettivo 3.5: Rafforzare la prevenzione e il trattamento dell'abuso di sostanze, compresi gli stupefacenti e l’uso dannoso di alcol
• Il livello globale del consumo di alcol nel 2016 è rimasto stabile dal 2010 a 6,4 litri di alcool puro per persona di 15 anni o più.

Obiettivo 3.6: entro il 2020, dimezzare il numero di morti e feriti a livello mondiale per incidenti stradali
• Le morti per incidenti stradali sono aumentate dal 2000, raggiungendo 1,25 milioni nel 2013.
• Il tasso di mortalità dovuto a incidenti stradali è stato 2,6 volte più alto nei paesi a basso reddito (24,1 morti per 100.000 abitanti) rispetto ai paesi ad alto reddito (9.2 decessi ogni 100.000 abitanti), nonostante i minori tassi di proprietà dei veicoli nei paesi a basso reddito.

Obiettivo 3.7: entro il 2030, garantire l'accesso universale ai servizi di assistenza sanitaria, sessuale e riproduttiva, anche per la pianificazione familiare, l'informazione, l'istruzione e l'integrazione della salute riproduttiva nelle strategie e nei programmi nazionali
• Si stima che 208 milioni di donne in età riproduttiva sposate o in unione in tutto il mondo non stiano ancora soddisfacendo i loro bisogni di pianificazione familiare con un metodo contraccettivo moderno. Si tratta del 23% di tutte le donne in età riproduttiva che desiderano limitare o controllare le gravidanze.
• Ci sono circa 12,8 milioni di nascite tra le adolescenti di età compresa tra 15 e 19 anni ogni anno. La gravidanza precoce può aumentare i rischi per i neonati e per le giovani madri.

Obiettivo 3.8: Raggiungere una copertura sanitaria universale, compresa la protezione dai rischi finanziari, l'accesso alla qualità servizi essenziali di assistenza sanitaria e l’accesso a elementi essenziali sicuri, efficaci, di qualità, medicine e vaccini per tutti
• Almeno metà della popolazione mondiale non ha una copertura completa dei servizi sanitari essenziali.
• Nel 2010, circa 808 milioni di persone - l'11,7% della popolazione mondiale - hanno speso almeno il 10% del loro bilancio familiare di tasca propria per i servizi sanitari. Secondo le stime, 97 milioni di persone sono state impoverite per spese sanitarie nel 2010.

Obiettivo 3.9: entro il 2030, ridurre il numero di decessi e malattie da prodotti chimici pericolosi e inquinamento atmosferico, idrico e del suolo e contaminazione
• Nel 2016, l'inquinamento dell'aria esterna nelle città e nelle aree rurali ha causato circa 4,2 milioni morti in tutto il mondo.
• Nello stesso anno, l'inquinamento atmosferico interno ed esterno ha causato circa 7 milioni di morti: uno su otto morti a livello globale.
• L'acqua non potabile, i servizi igienici e la mancanza di igiene sono stati responsabili di circa 870.000 morti nel 2016.

Obiettivo 3.a: Rafforzare l'attuazione del quadro Oms della sanità per la Convenzione sul controllo del tabacco (WHT FCTC) in tutti i paesi
• Nel 2016, oltre 1,1 miliardi di persone hanno fumato tabacco con il 34% di tutti i maschi di 15 anni e oltre il 6% di tutte le donne in questa fascia di età.
• Nel periodo 2015-2016, oltre la metà (98) degli Stati membri dell'Oms ha rafforzato la propria posizione del WHT FCTC attraverso varie misure come l'introduzione di nuove leggi o rafforzando la legislazione in vigore che richiede l'indicazione di avvertenze sanitarie sugli imballaggi dei prodotti del tabacco.

Obiettivo 3.b: sostenere la ricerca e lo sviluppo di vaccini e medicinali per il le malattie trasmissibili e non trasmissibili che colpiscono principalmente i paesi in via di sviluppo, fornire accesso a medicinali e vaccini a prezzi accessibili, conformemente alla dichiarazione di Doha sull’Accordo TRIPS-sanità pubblica, che afferma il diritto dei paesi in via di sviluppo di utilizzare per tutte le regole contenute nell'accordo sugli aspetti che riguardano la proprietà intellettuale per il commercio, per proteggere la salute pubblica e, in particolare, fornire accesso a medicinali per tutti
• Nel 2016, un bambino su 10 in tutto il mondo non ha ricevuto nemmeno la prima dose di diphtheriatetanus-pertosse (DTP1) vaccino e la copertura con le tre dosi raccomandate di vaccino era dell'86%, un livello che è rimasto sostanzialmente invariato dal 2010.

Obiettivo 3.c: aumentare il finanziamento della sanità e il reclutamento, lo sviluppo, la formazione e il mantenimento della forza lavoro sanitaria nei paesi in via di sviluppo, specialmente nelle piccole isole
• Nel periodo 2007-2016, 76 paesi hanno riferito di avere meno di un medico per 1.000 abitanti.
• Nello stesso periodo, 87 paesi hanno riferito di avere meno di tre infermieri e ostetriche  per 1.000 abitanti.

Obiettivo 3.d: rafforzare la capacità di tutti i paesi, in particolare di quelli in via di sviluppo, per la riduzione del rischio e la gestione dei rischi sanitari nazionali e globali
• Nel 2017, 167 Stati parti (l'85% di tutti gli Stati membri) hanno risposto al questionario di autovalutazione  utilizzato per comprendere lo stato di implementazione di 13 capacità centrali. Il punteggio medio della capacità principale di tutti i paesi dichiaranti era del 72%.

Altri obiettivi selezionati relativi alla salute al di fuori dell'SDG3

Obiettivo 2.2: entro il 2030, porre fine a tutte le forme di malnutrizione ed entro il 2025, raggiungere a livello internazionale gli obiettivi concordati in materia di arresto della crescita e deperimento nei bambini di età inferiore ai 5 anni e quelli sui bisogni nutrizionali di ragazze adolescenti, donne in gravidanza e in allattamento e persone anziane.
• Nel 2017, 151 milioni di bambini sotto i 5 anni (22%) soffrivano di stenti (troppo piccoli per la loro età), con tre quarti di questi bambini che vivono nella regione del Sud-Est asiatico o nella regione africana.
• 51 milioni di bambini di età inferiore ai 5 anni (7,5%) erano denutriti (troppo leggeri per la loro altezza) mentre 38 milioni di bambini in questa fascia di età (5,6%) erano in sovrappeso (troppo pesanti per la loro altezza). Denutrizione e sovrappeso possono coesistere in una popolazione a livelli considerati bassi - il cosiddetto "doppio carico di malnutrizione" - come osservato nel Mediterraneo orientale.

Obiettivo 6.1: entro il 2030, ottenere accesso universale ed equo all’acqua potabile sicura ed economica per tutti
• Servizi di acqua potabile gestiti in modo sicuro - ovvero, situati nei locali, disponibili quando necessari e privi di contaminazioni - erano utilizzabili solo dal 71% della popolazione mondiale (5,2 miliardi di persone) nel 2015.

Obiettivo 6.2: entro il 2030, ottenere l'accesso a servizi igienico-sanitari adeguati ed equi per tutti e porre fine ai disturbi diarroici, prestando particolare attenzione ai bisogni delle donne e delle ragazze e dei soggetti in situazioni vulnerabili
• Servizi di risanamento gestiti in modo sicuro - con smaltimento degli escrementi in situ o trattati in luogo sicuro - erano disponibili solo per il 39% della popolazione mondiale (2,9 miliardi di persone) nel 2015.

Obiettivo 7.1: entro il 2030, garantire l'accesso universale a servizi energetici accessibili, affidabili e moderni
• L'accesso a combustibili e tecnologie pulite per cucinare è gradualmente migliorato. Nel 2016, il 59% di la popolazione mondiale utilizzava principalmente da combustibili puliti.
• La crescita della popolazione è più veloce della transizione verso combustibili e tecnologie puliti, lasciando 3 miliardi di persone ancora in situazioni con combinazioni inquinanti di combustibili per stufe e cucine.

Obiettivo 11.6: entro il 2030, ridurre l'impatto ambientale pro capite negativo delle città, anche prestando particolare attenzione alla qualità dell'aria e alla gestione dei rifiuti urbani e di altro tipo
• Più della metà della popolazione urbana è stata esposta a livelli di inquinamento dell'aria esterna 2,5 volte superiore allo standard di sicurezza stabilito dall'Oms.
• Si stima che 9 persone su 10 in tutto il mondo respirino aria inquinata.

Obiettivo 13.1: Rafforzare la resilienza e la capacità adattativa ai rischi legati al clima e ai disastri naturali in tutti i paesi
• Nel periodo 2012-2016, in media ci sono stati 11.000 decessi a livello globale ogni anno a causa di disastri naturali.

Obiettivo 16.1: ridurre in modo significativo tutte le forme di violenza e i relativi tassi di mortalità
• Nel 2016, circa 180 000 persone sono state uccise in guerre e conflitti. Questo non include i morti per gli effetti indiretti della guerra e dei conflitti come la diffusione di malattie, la malnutrizione e il collasso dei servizi sanitari. Il tasso di mortalità globale a causa di conflitti nei cinque anni passati (2012-2016), con 2,5 morti ogni 100.000 abitanti era più del doppio del tasso medio del precedente quinquennio (2007-2011).
• Si sono registrati circa 477.000 omicidi, con quattro quinti di tutte le vittime di omicidi maschi. Gli uomini nella regione delle Americhe sono stati i più colpiti (31,8 per 100.000 abitanti).

Obiettivo 17.19: entro il 2030, basarsi su iniziative esistenti per sviluppare misurazioni dei progressi sviluppo sostenibile che integrino il prodotto interno lordo e diano supporti statistici con il rafforzamento delle capacità nei paesi in via di sviluppo
• Nel 2016 il 49% dei decessi è stato registrato con la relativa causa di morte, dal 6% dei decessi nella regione africana al 98% nella regione europea.

19 maggio 2018
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy