Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 23 SETTEMBRE 2023
Cronache
segui quotidianosanita.it

Sanità digitale. Commissione UE e Oms lanciano iniziativa per rafforzare la sicurezza globale


Nel giugno 2023 l'Oms adotterà il sistema di certificazione Covid digitale dell'Unione europea (UE) per istituire un sistema globale che contribuirà ad agevolare la mobilità a livello mondiale e a proteggere la popolazione dalle minacce sanitarie attuali e future. Si tratta del primo elemento costitutivo della rete globale di certificazione sanitaria digitale dell'Oms.

05 GIU -

Oggi la Commissione europea e l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) hanno annunciato l'avvio di uno storico partenariato per la sanità digitale. Nel giugno 2023 l'Oms adotterà il sistema di certificazione Covid digitale dell'Unione europea (UE) per istituire un sistema globale che contribuirà ad agevolare la mobilità a livello mondiale e a proteggere la popolazione dalle minacce sanitarie attuali e future.

Si tratta del primo elemento costitutivo della rete globale di certificazione sanitaria digitale dell'Oms, che svilupperà un'ampia gamma di prodotti digitali per garantire a tutti una migliore salute.

L'iniziativa, basata sulla strategia globale dell'UE in materia di salute e sulla strategia globale degli Stati membri dell'Oms in materia di sanità digitale, fa seguito all'accordo del 2 dicembre 2022 firmato dalla Commissaria Stella Kyriakides e dal direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, volto a consolidare la cooperazione strategica sulle questioni sanitarie globali. In questo modo si rafforza ulteriormente un solido sistema multilaterale imperniato sull'Oms, alimentato da una forte UE.


Il partenariato prevederà una stretta collaborazione nello sviluppo, nella gestione e nell'implementazione del sistema dell'Oms, beneficiando dell'ampia competenza tecnica della Commissione europea nel settore. Un primo passo consiste nel garantire che gli attuali certificati digitali dell'UE continuino a funzionare efficacemente.

Un sistema dell'Oms globale che si basa sul lavoro compiuto dall'UE
Uno degli elementi chiave dell'attività dell'Unione europea nella lotta alla pandemia di Covid è stato il certificato Covid digitale. Per agevolare la libera circolazione al suo interno, l'UE ha rapidamente realizzato certificati Covid interoperabili (denominati "certificati Covid digitali dell'UE" o "EU DCC"). Sulla base di tecnologie e standard open source, i certificati consentivano anche il collegamento di paesi terzi che rilasciano certificati conformi alle specifiche EU DCC, e si sono convertiti nella soluzione più utilizzata in tutto il mondo.

Dall'inizio della pandemia l'Oms ha avviato un dialogo con tutte le sue regioni per definire linee guide generali per tali certificati. Per contribuire a rafforzare la preparazione sanitaria globale di fronte all'aumento delle minacce sanitarie, l'Oms sta istituendo una rete globale di certificazione sanitaria digitale fondata sulle solide basi del quadro, dei principi e delle tecnologie aperte dell'EU DCC. Grazie a questa collaborazione l'Oms agevolerà questo processo a livello globale nell'ambito della propria struttura con l'obiettivo di consentire al mondo di beneficiare della convergenza dei certificati digitali. Il processo comprende la definizione di norme e la convalida delle firme digitali per prevenire le frodi. In tale contesto l'Oms non avrà accesso ai dati personali, che continuerebbero a essere di esclusiva competenza dei governi.

Il primo elemento costitutivo del sistema globale dell'Oms sarà operativo nel giugno 2023 e dovrebbe essere progressivamente sviluppato nei prossimi mesi.

Un partenariato digitale a lungo termine per garantire a tutti una migliore salute
Per facilitare l'adozione dell'EU DCC da parte dell'Ms e contribuire al suo funzionamento e ulteriore sviluppo, la Commissione europea e l'Oms hanno convenuto di formare un partenariato nel settore della sanità digitale.

Questo partenariato si adopererà per sviluppare il sistema dell'Oms a livello tecnico con un approccio graduale per coprire ulteriori casi d'uso che potrebbero includere, ad esempio, la digitalizzazione del certificato internazionale di vaccinazione o profilassi. Ampliare tali soluzioni digitali sarà essenziale per garantire una migliore salute alla popolazione di tutto il mondo.

Questa cooperazione si basa sui valori e i principi condivisi della trasparenza e dell'apertura, dell'inclusività, della responsabilità, della protezione dei dati e della privacy, della sicurezza, della scalabilità a livello globale e dell'equità. La Commissione europea e l'Oms collaboreranno per incoraggiare la massima diffusione e partecipazione a livello globale. Particolare attenzione sarà prestata alle pari opportunità di partecipazione dei soggetti più bisognosi, ossia i paesi a basso e medio reddito.

Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno: "Con quasi 80 paesi e territori collegati al certificato Covid digitale dell'UE, l'Unione europea ha fissato uno standard globale. Il certificato dell'UE non solo è stato uno strumento importante nella lotta alla pandemia, ma ha anche facilitato i viaggi e il turismo internazionali. Sono lieto che l'Oms si basi sui principi di tutela della privacy e sulla tecnologia all'avanguardia del certificato dell'UE per creare uno strumento globale utile per la lotta alle pandemie future.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità: "Sulla base del grande successo ottenuto dalla rete di certificazione digitale dell'UE, l'Oms mira a offrire a tutti i suoi Stati membri l'accesso a uno strumento sanitario digitale open source, fondato sui principi di equità, innovazione, trasparenza, protezione dei dati e privacy. I nuovi prodotti sanitari digitali in corso di sviluppo mirano ad aiutare le persone di tutto il mondo a ricevere servizi sanitari di qualità in modo rapido e più efficace".

Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare: "Il certificato Covid digitale dell'UE è stato uno strumento essenziale per viaggiare in sicurezza durante la pandemia di Covid. Si tratta del simbolo di un'Unione europea della salute che può apportare benefici tangibili ai cittadini. Grazie a questo storico partenariato con l'Oms potenzieremo l'innovazione dell'UE nel settore della sanità digitale per consentire a tutti i cittadini di spostarsi in sicurezza in tutto il mondo. Non esiste un partner migliore dell'Oms per portare avanti il lavoro che abbiamo cominciato nell'UE e sviluppare ulteriormente soluzioni globali in materia di sanità digitale".



05 giugno 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy