Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 09 APRILE 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Lotta al doping. Wada: "L'attività dei Nas è un modello per tutti i Paesi"

Un report dell'Agenzia mondiale antidoping indica come esempio di riferimento le procedure di contrasto al fenomeno messe in campo dai Carabinieri del Nas. "Dal 1995 a oggi oltre 500 persone arrestate e due milioni di dosi di farmaci sequestrate". Il plauso di Balduzzi.

13 FEB - Un progetto di studio diretto a illustrare il modello investigativo e giudiziario italiano nella lotta al doping. E’ il documento che l’Agenzia mondiale antidoping – la Wada – ha presentato lo scorso 22 gennaio a Losanna nel corso di un workshop - organizzato da Interpol e dalla stessa Wada – al quale hanno partecipato esperti mondiali, forze di polizia ed organismi internazionali e nazionali deputati al contrasto del fenomeno doping, tra cui una delegazione dei Nas.

Lo studio – denominato “La fornitura di prodotti doping e il potenziale della forza di polizia criminale nell’antidoping: un’esperienza italiana” – ha preso in esame l’analisi sulla produzione e distribuzione dei prodotti dopanti, nonché le procedure di contrasto al fenomeno – interno ed esterno al mondo sportivo – attuate con l’applicazione delle norme penali italiane. Si è quindi trattato di un forte e importante riconoscimento all’attività condotta dai Nas, soprattutto alla fine degli anni Novanta. L’apporto informativo delle forze dei carabinieri è stato infatti fondamentale per integrare le pubblicazioni con i contenuti emersi dalle indagini più significative e dalla ricostruzione delle condotte delittuose delle organizzazioni criminali del settore, la cui disarticolazione – dal 1995 a oggi – è testimoniata da un bilancio di oltre 500 persone arrestate e due milioni di dosi di farmaci sequestrate. Il report costituisce quindi un riferimento per le strategie di intelligence nella lotta al doping e suggerisce l’esportazione del modello investigativo dei Carabinieri dei Nas verso le forze di polizia estere e l’adozione di una normativa penale del settore, al fine di uniformare la cornice sanzionatoria nei Paesi che non hanno ancora legiferato in materia.


“Grazie a un sistema multidisciplinare – spiega il report – abbiamo analizzato il sistema di distribuzione dei farmaci, partendo dai produttori sino ad arrivare ai clienti finali e individuando relazioni, modus operandi e andamento di ricavi e profitti. Il nostro studio rappresenta il primo esempio di analisi di un mercato nazionale del doping”. La principale fonte di informazione del lavoro è stato “un database contenente le informazioni relative alle indagini svolte dall’Ufficio dei Nas tra il 1999 e il 2009”. Il report ha fornito anche preziosi elementi in chiave giuridica. “Quello del doping – sotto il profilo del diritto penale – si può definire un mercato semi-illegale. Contrariamente a quanto si verifica per sostanze come eroina e cocaina, infatti, lo status giuridico dei prodotti dopanti può variare spesso”. Ed è proprio per evitare difficoltà e ostacoli di questo genere si raccomanda a tutti i Paesi “l’adozione di una legislazione adeguata e soprattutto incentrata su un’impalcatura standardizzata. Si tratterebbe di una modalità efficace per facilitare l’operato della polizia giudiziaria e le attività di cooperazione internazionale”.

Un così importante riconoscimento all’attività dei Nas ha ricevuto il plauso da parte del ministro della Salute – Renato Balduzzi – che si è complimentato per “per l’importante riconoscimento internazionale delle tecniche investigative e delle procedure italiane di contrasto al doping, ottenuto dai Carabinieri del Nas nel corso del workshop dell’Agenzia mondiale anti-doping (Wada) tenuto a Losanna”. Il ministro ha poi aggiunto che l’azione antidoping “non è solo volta a contrastare  le condotte criminali di alcuni soggetti e organizzazioni, ma si deve configurare anche come la diffusione di stili di vita più salutari e rispettosi della natura propria del corpo”. 
 
G.B.

13 febbraio 2013
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Schema DPR

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy