Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 24 MAGGIO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Bioetica. I medici francesi dicono sì all’eutanasia. Seppur in casi eccezionali

Il Consiglio Nazionale francese dell'ordine dei medici per la prima volta apre alla “sedazione terminale” per i pazienti in fin di vita che abbiano fatto “richieste persistenti, lucide e ripetute”. Alla base c’è “un dovere di umanità”, seppur riservato a casi eccezionali come “agonie prolungate e dolori incontrollabili”

14 FEB - Il Consiglio Nazionale francese dell’ordine dei medici ha consentito, per la prima volta, alla “sedazione terminale” per quei pazienti che essendo in fin di vita abbiano fatto “richieste persistenti, lucide e ripetute”. Questo sì dell’ordine dei medici francesi che non cita mai il termine “eutanasia” si basa su un “dovere umanitario” che però è riservato solamente a “casi eccezionali” come “agonie prolungate e dolori incontrollabili” sulle quali la legge attuale non fornisce alcuna indicazione.  
 
Il collegio nazionale francese, nel testo dal titolo “Fine della vita, Assistenza a morire” precisa che “per richieste insistenti, lucide e ripetute della persona, colpita da una malattia per la quale tutte le cure sono diventate inoperanti e sono state avviate le cure palliative, una decisione medica legittima deve essere presa di fronte a situazioni cliniche eccezionali, a condizione che siano state identificate come tali, non da un solo medico, ma da una formazione collegiale”.
 
L'eutanasia in Francia resta illegale, la legge in materia contro l’accanimento terapeutico, legge Leonetti, è in vigore dal 2005. Questa legge, riconosce il Consiglio Nazionale francese dell’ordine dei medici “risponde alla maggior parte dei casi di fine della vita. Tuttavia la legge non offre soluzioni a certi casi di agonie prolungate o con dolori psicologici e/o fisici che, nonostante i mezzi applicati, restano incontrollabili”. Queste situazioni, aggiunge il Consiglio, riconoscendo l’esistenza di situazioni eccezionali non prese in conto dalla legge Leonetti “benché rare non possono restare senza risposta”. Quindi “una sedazione adatta, profonda e terminale – concludono – praticata nel rispetto della dignità potrebbe essere immaginata, per dovere di umanità”.

14 febbraio 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy