Quotidiano on line
di informazione sanitaria
18 AGOSTO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Follie in rete. Vaccinare i bambini? Può indurre l’omosessualità

Ne è convinto Gian Paolo Vanoli, già noto negli ambienti della medicina "ultra alternativa", ora membro del Meetup di 5 Stelle di Segrate che ieri, alla Zanzara su Radio 24 ha "spiegato" anche che l’omosessualità è una “malattia di ordine psichico”. Ma gli stessi blogger del Movimento si ribellano.

22 MAR - “Ho raccolto informazioni che pochi al mondo hanno, oltre ad aver studiato in modo attento e continuativo i danni che le sostanze vaccinali provocano negli organismi viventi. Ad esempio, somministrare vaccini ad un essere umano in fase di formazione, può indurre l’omosessualità che è un malattia di ordine psichico”. Ne è convinto Gian Paolo Vanoli, giornalista investigativo e mebro del Meetup 5 Stelle di Segrate (dove si autodefinisce "referente per Ambiente e Salute), che ha illustrato le sue teorie intervenendo ieri sera alla trasmissione di Radio 24, La Zanzara.

Il cittadino ‘attivo’ a 5 stelle ha sottolineato di essere ormai da anni un “grande nemico dei vaccini”. Spiegando le sue bizzarre teorie al conduttore della trasmissione, Giuseppe Cruciani, ha messo in evidenza il fatto che “non è solo l’ambiente esterno ad influire sul carattere di una persona, ma anche le mutazioni interne indotte dai vaccini possono far insorgere malattie della personalità”. Ecco dunque spiegata “l’esponenziale crescita dei gay”. La colpa dovrebbe essere facilmente attribuibile alle sempre più estese coperture vaccinali.

Non è mancata una critica anche all’Oms, reo di aver ceduto ai diktat della lobby omosessuale, depennando l’omosessualità dalla lista delle patologie dalle quali poter guarire.

Nel corso della trasmissione il giornalista investigativo a 5 stelle ha anche dispensato consigli per curare in maniera ‘naturale’ disturbi di vario genere. Come? Ad esempio ricorrendo all’urinoterapia. Ebbene sì, proprio il bere la propria urina. Un rimedio che può, non risolvere, ma aiutare anche a curare il cancro, oltre, ad esempio, a ritardare la menopausa. Ma l’urina può anche essere utilizzata per curare le infiammazioni agli occhi. Come? Somministrandone alcune gocce sulla zona interessata. Come sottolineato dallo stesso Vanoli, anche il presidente del Pdl, Silvio Berlusconi, potrebbe trarne giovamento per curare la sua uveite.

Se tutto questo non dovesse bastare, ci si può spingere ancora oltre e ricorrere alla coproterapia. Sì perché, ingerire escrementi, sotto la supervisione di tecnici specialisti, può tradursi in un importante toccasana per la salute aiutando a risolvere malattie gastroenteriche.

Ma le tesi sostenute da Vanoli, non solo non sono presenti in alcun modo nel capitolo del programma del M5S riguardante la salute, ma sono tutt'oggi oggetto di un vespaio all'interno della pagina del suo meet up di riferimento. Si possono infatti leggere commenti nei suoi confronti che vanno dal "mi dissocio da queste tue idee e dal farle apparire sul Movimento", al "Non dovresti appartenere al Movimento 5 Stelle".
 
Giovanni Rodriquez

22 marzo 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy