Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 GENNNAIO 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Alimentazione. Ue presenta nuovo programma per le scuole. Stanziati 230 mln

Il piano riunisce due programmi già esistenti e ha come obiettivo primario combattere le cattive abitudini alimentari, rafforzando la formazione. Ma la cifra stabilita è inferiore al bilancio già previsto per i programmi di distribuzione di frutta e latte nelle scuole da qui al 2020.

05 FEB - L’UE propone di rafforzare i programmi di educazione a un'alimentazione sana nelle scuole per correggere le cattive abitudini alimentari tra i più giovani. Il nuovo piano riunirà i due programmi esistenti (‘Frutta nelle scuole’ e ‘Latte nelle scuole’), che finanziano la distribuzione di frutta e latte nelle scuole ed educano i giovani a mangiare sano. Ogni anno circa 30 milioni di bambini beneficiano di queste iniziative.

Il nuovo programma riunirà i due programmi esistenti con lo slogan ‘Mangiare bene per stare bene’. Verrà posto un maggiore accento sull'educazione per insegnare ai bambini a mangiare sano e migliorare la loro comprensione di questioni quali i rifiuti e la produzione di alimenti. Tra le varie iniziative sono previste anche visite ad aziende agricole.

Allo stato attuale, tutti i paesi dell’UE partecipano al programma ‘Latte nelle scuole’ e la maggior parte di essi aderisce all'iniziativa ‘Frutta nelle scuole’ (tranne Regno Unito, Svezia e Finlandia). La partecipazione al nuovo programma continuerà a essere volontaria e i paesi dell’UE avranno la libertà di decidere quali prodotti distribuire.


Il nuovo programma avrà una dotazione di 230 milioni di euro (rispetto ai 197 milioni stanziati per quest'anno), una cifra che tuttavia è inferiore al bilancio già previsto per i programmi di distribuzione di frutta e latte nelle scuole da qui al 2020. L'UE si augura che la fusione dei due programmi riduca gli oneri amministrativi e organizzativi a carico delle scuole e delle autorità nazionali e renda la distribuzione più efficace sotto il profilo dei costi.
Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, in Europa l'obesità infantile è in aumento. Nel 2008 un bambino europeo su quattro nella fascia di età 6-9 anni risultava sovrappeso o obeso; nel 2010 il rapporto era di uno a tre. Gli obiettivi del nuovo programma saranno quindi essenzialmente tre: combattere con maggiore efficienza le cattive abitudini alimentari, rafforzare le azioni di educazione nell'ambito dei programmi per un'alimentazione sana e contribuire alla lotta contro l'obesità.

 

05 febbraio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy