Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 OTTOBRE 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Tabacco. Parlamento Ue dice sì a nuova direttiva. Avvertimenti sul 65% della superficie dei pacchetti

Ma non solo, previste norme per le e-cig che dovranno essere regolamentate o come medicinale o come prodotto da tabacco. Aboliti i pacchetti con meno di 20 sigarette. Stretta anche su gli additivi e gli aromi. Il Mentolo sarà vietato dal 2020. Ora il testo dovrà essere approvato dal Consiglio dei Ministri Ue il prossimo 14 marzo

26 FEB - Approvato oggi dai deputati Ue il progetto di legge aggiornamento della direttiva sul tabacco dell'UE. Il progetto, già informalmente concordato con i ministri della sanità dell'UE, prevede che tutte le confezioni abbiano avvertimenti foto che coprano il 65% della loro superficie. Per quanto riguarda le E-cig esse dovranno essere regolamentate sia come medicinali se pretendono di aiutare i fumatori a smettere, o come prodotti del tabacco.
 
"Questo è il culmine di anni di lavoro in un contesto di intensa attività di lobbying da parte dell'industria del tabacco e dei suoi gruppi di facciata. Le nuove misure sono un grande passo avanti per il controllo del tabacco, e aiuteranno a prevenire la prossima generazione dal cadere nel vizio del fumo. Sappiamo che si tratta di bambini - non di adulti - che iniziano a fumare: la stragrande maggioranza dei fumatori inizia prima del loro 18 ° compleanno "ha detto il relatore Linda McAvan (S&D, UK). Il progetto di legge è stato approvato con 514 voti a 66, con 58 astensioni .
 
Avvertenze per la salute sul 65% delle confezioni

La legislazione vigente prevede che le avvertenze sanitarie coprano almeno il 30 % della superficie della parte anteriore della confezione e il 40 % della schiena. Il testo proposto aumenterebbe questo al 65 %, sia anteriore che posteriore, e dispone che questi avvertimenti debbano essere in forma di immagine - cosa che non accade nella maggior parte degli Stati membri al momento. Confezioni di meno di 20 sigarette - che sono meno costosi e quindi più accessibile ai bambini - saranno vietati nei paesi dove sono ancora consentiti sul mercato.
 
Percorso doppio per E-cig
Come proposto dai deputati, le e-sigarette dovrebbero essere regolamentate, sia come medicinali, se sono commercializzate come un aiuto per smettere di fumare, o in alternativa come prodotti del tabacco. In quest'ultimo caso, la loro concentrazione di nicotina non dovrebbe superare i 20 mg / ml. Le sigarette elettroniche dovranno essere a prova di bambino e dovranno portare avvertenze per la salute. Esse sarebbero soggette alle stesse restrizioni di pubblicità valide per i prodotti da tabacco.
 
Additivi elencati e sapori vietati
Il testo vieta quegli aromi che nelle sigarette e nel trinciato rendono il prodotto più attraente e danno un "sapore caratterizzante ". Il Mentolo sarà vietato dal 2020.
Alcuni additivi che sono particolarmente dannosi per la salute saranno vietati, e le autorità di regolamentazione avranno nuovi poteri per esigere dall'industria del tabacco l’effettuazione di studi supplementari su una "lista di priorità " elenco degli additivi, da definire in un atto delegato. Additivi essenziali per la produzione di tabacco, come lo zucchero, saranno autorizzati.
 
700.000 decessi all'anno nell'UE
Dodici anni dopo l' attuale direttiva è entrata in vigore, il fumo rimane la principale causa prevenibile di morte in Europa e circa 700.000 persone muoiono di ogni anno. Nel corso degli anni, le misure adottate per scoraggiare il fumo hanno contribuito a ridurre la percentuale di cittadini dell'UE che fumano dal 40 % nell'UE-15 nel 2002 al 28% nell'UE a 27 nel 2012 .
 
I prossimi passi
Il testo deve essere approvato dal Consiglio dei Ministri il 14 marzo. Gli Stati membri avranno due anni per far recepire la normativa. 

26 febbraio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy