Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 14 LUGLIO 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Stamina. Chiusa l’inchiesta. I pm: “Associazione a delinquere e truffa”


Il pm di Torino Guariniello starebbe consegnando in queste ore i provvedimenti con i capi d’accusa per i 20 indagati. Coinvolti il fondatore del metodo Davide Vannoni, il vice del presidente della ‘Stamina Foundation’ e neurologi, biologi, otto medici degli Spedali di Brescia e un membro dell’Aifa. Lorenzin: “Commissione su metodo Stamina continuerà a lavorare”

23 APR - Chiuse le indagini sul caso Stamina. Sarebbero in corso in queste ore le notifiche da parte del Pm di Torino di Raffaele Guariniello dei provvedimenti con i capi d’accusa per i venti indagati sul caso Stamina. Oltre a Davide Vannoni, fondatore del metodo che prometteva di curare le malattie degenerative attraverso l’infusione di cellule staminali, sono coinvolti anche il vice del presidente di Stamina Foundation e neurologi, biologi, otto medici degli Spedali di Brescia e un membro dell’Aifa. I reati ipotizzati vanno dall’associazione a delinquere finalizzata alla truffa, aggravata dall’essere ai danni del servizio sanitario nazionale, e somministrazione di farmaci pericolosi. Nel provvedimento sono indicati più di sessanta pazienti che sarebbero stati truffati.
 
Un avviso, quello della chiusura delle indagini, che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. Gli indagati avranno venti giorni di tempo per chiedere di essere interrogati o per presentare memoriali difensivi o altri documenti. 
 
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin nel commentare la vicenda ha chiarito la commissione sul metodo Stamina continuerà a lavorare, ma con “i suoi tempi, che non sono i tempi che dettiamo noi o i mass media, tanto è vero che nell'ordinanza del Tar del Lazio c'era scritto che la prima commissione era stata eccessivamente veloce. Quindi gli esperti avranno i loro tempi, non è certamente il ministro a mettere paletti temporali a un comitato scientifico”.

Il Ministro ha specificato come “noi continuiamo ad avere due percorsi attivati - ha aggiunto - uno è quello che dipende da noi, cioè quello della commissione che valuta il metodo e che ricordo è la seconda commissione perché il metodo è già stato dichiarato totalmente inefficace e infondato dalla prima; dall'altro lato c'è il lavoro della Procura di Torino che, vedo oggi, ha rinviato a giudizio moltissime persone. Io spero che da questa vicenda escano fuori due verità: quella scientifica, che sarà cura della commissione verificare e attuare, e quella processuale, entrambe a favore delle famiglie che in questi anni hanno sofferto, atteso, avuto illusioni e speranze”.

23 aprile 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy