Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 LUGLIO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Disabilità. Nasce a Roma una città su misura, dove “le differenze sono la normalità”

Si estenderà su 24 ettari e ospiterà 151 case, un polo sanitario e un laboratorio di ricerca. Ci saranno spazi per l’agricoltura sociale, la cultura e lo sport. “Vogliamo creare una vera e propria comunità autonoma e multifunzionale a misura di disabili, ma aperta verso l’esterno”, spiega la Fondazione Tharos, promotrice il progetto.

16 MAG - Una città dove le differenze diventano normalità, e la disabilità si fa motore dell’integrazione. È la Certosa Tharos, un progetto che la Fondazione Tharos ha presentato oggi, 16 maggio, presso il teatro Tendastrisce di Roma. L’obiettivo è di creare una vera e propria comunità autonoma e multifunzionale, come le certose del medioevo, che sia realizzata su misura per i disabili. Ma allo stesso tempo aperta verso l’esterno, con servizi all’avanguardia per i portatori di handicap e le loro famiglie.

Si estenderà su 24 ettari (un’area grande all’incirca come 34 campi da calcio) nel territorio del VI Municipio di Roma, e ospiterà 151 unità abitative di due diverse tipologie, da 45 e 90 metri quadrati. Saranno presenti anche un polo sanitario multifunzionale e un laboratorio di ricerca. Non saranno solo la residenzialità e le strutture terapeutiche, tuttavia, a caratterizzare la Certosa Tharos. Ma anche l’agricoltura sociale, la cultura e lo sport, con la realizzazione di una biblioteca, di un auditorium e di un centro sportivo. Senza dimenticare le strutture di children care. Lo scopo è quello di garantire un servizio di assistenza anche a chi non vive nella Certosa, ma arriva “da fuori”. “Il complesso, infatti, è aperto a tutti – ha come fine ultimo l’integrazione reciproca, di cui sarà metro e misura la disabilità”, ha spiegato la Fondazione.


L’obiettivo è iniziare i lavori entro il 2015. “Per farlo – ha spiegato ancora la Fondazione -, partirà una campagna di adesioni e di fund raising, che coinvolgerà 500 giovani selezionati in ambito cittadino e regionale. Saranno dei veri e propri “promotori solidali”, a cui sarà dato il compito di coinvolgere sostenitori e raccogliere adesioni per dare il via al progetto. I ragazzi saranno coordinati da 20 centri a Roma e nel Lazio, situati in parrocchie o Municipi, che saranno sede dello Sportello della famiglia diversamente abile. Questi Centri saranno a disposizione di tutti coloro che vorranno aderire, sostenere o avere le informazioni su Certosa Tharos”.
 

16 maggio 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy