Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 28 LUGLIO 2016
Cronache
segui quotidianosanita.it

“Nessuno tocchi l’obiezione di coscienza”. Voglio Vivere lancia petizione contro il nuovo Codice deontologico dei Medici

Per l’Associazione il nuovo Codice “comprime il diritto all’obiezione di coscienza” dei medici, mentre si tratta di una questione "ancora molto sentita" dal personale. Consegnate ad Amedeo Bianco, presidente Fnomceo, 15 mila firme. "Aspettiamo una risposta". Ecco il testo della petizione.

12 GIU - Tutelare l’obiezione di coscienza nel nuovo Codice di deontologia medica. Questo l’obiettivo per il quale l’associazione “Generazione Voglio Vivere” ha lanciato una petizione e consegnato nelle mani di Amedeo Bianco, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri, a cui è rivolta la petizione, oltre 15mila firme a sostegno dell’obiezione di coscienza.

“È un primo traguardo raggiunto – commenta Samuele Maniscalco, responsabile di Voglio Vivere –. L’avevamo promesso a quanti avevano sottoscritto la petizione e ai nostri sostenitori. Adesso attendiamo fiduciosi una risposta da parte del dottor Bianco agli interrogativi e alle preoccupazioni da noi poste circa la formulazione dell'articolo 22 nel nuovo Codice di deontologia approvato tre settimane fa”.

Il nuovo Codice “comprime il diritto all’obiezione di coscienza del personale medico”, osserva l’associazione ricordando che il nuovo Codice ha avuto una nascita difficile e ha causato accese polemiche all'interno dello stesso Ordine dei medici “tanto da aver indotto due ordini provinciali ad astenersi e altri dieci a votare contro il nuovo testo. Gli ordini di Milano e Bologna hanno altresì informato che continueranno a utilizzare il vecchio codice o al massimo uno emendato”.


“L'obiezione di coscienza – aggiunge Maniscalco – è un tema ancora molto sentito, e costringere un medico obiettore a collaborare a un aborto, anche solo indicando un altro collega disposto a praticarlo, dietro la minacce di sanzioni o addirittura dell’espulsione dall'Ordine, è la via più rapida per creare una ulteriore spaccatura nella nostra società”.
 

12 giugno 2014
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Petizione

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy