Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 23 OTTOBRE 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Ebola. Diagnosticato il primo caso negli Usa. Ma le autorità americane rassicurano: "Non esiste rischio epidemia"

Il paziente è ricoverato e tenuto in isolamento in un ospedale di Dallas. Avrebbe contratto la febbre emorragica dopo un viaggio in Africa Occidentale. Si cercano ora le persone che possono essere state in contatto con lui. Intanto la struttura sanitaria assicura: "La situazione rimarrà sotto controllo, l'Ebola non si diffonderà negli Usa".

01 OTT - Si è registrato negli Stati Uniti il primo caso di Ebola. L'ufficialità è stata comunicata dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) di Atlanta, la massima autorità sanitaria degli Usa. Il paziente, che nelle ultime settimane aveva viaggiato in alcune zone dell'Africa Occidentale dove si trovano i focolai del virulento virus, era stato ricoverato al Texas Health Presbyterian Hospital di Dallas presentando tutti i sintomi della febbre emorragica. "E' venuto negli Stati Uniti per visitare alcuni familiari che vivono in questo Paese", ha spiegato da Thomas Frieden, direttore del Cdc, che senza dirlo, sembra così escludere che il paziente sia un cittadino americano.

All'interno dell'ospedale dove il paziente si trova in isolamento sono state attivate tutte le procedure di massima allerta per impedire il rischio di contagio ad altri pazienti, al personale medico e sanitario, ai volontari e ai visitatori.
"Non c'e alcun dubbio che la situazione rimarrà sotto controllo è che Ebola non si diffonderà negli Usa": lo affermano le autorità sanitarie americane, sottolineando come "non ci sia nessun altro caso sospetto in Texas al momento". "Ora la priorità è curare il paziente e identificare tutte le persone che sono state a contatto con lui". Il direttore generale del Centro nazionale sanitario non ha però escluso che altri viaggiatori che si sono trovati a contatto con il paziente ricoverato potrebbero sviluppare i sintomi. "E' per questo che dobbiamo individuare tutte le persone che sono state vicino a lui", ha concluso.  

01 ottobre 2014
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy