Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 SETTEMBRE 2021
Cronache
segui quotidianosanita.it

Allergie. I bambini sempre più colpiti. E le scuole sono ambienti a rischio


L'allarme lanciato oggi nel corso di un convegno della Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica. Il 20% dei bambini è particolarmente sensibile a polvere, polline e peli di animale. Circa l’8%-10% soffre di asma, il 18-20% di rinite allergica, il 10% presenta dermatite atopica. All'indice la sicurezza ambientale delle scuole. Più della metà (57%) non è idonea dal punto di vista igienico-sanitario.

18 FEB - Il 30% degli italiani è allergico. Un dato allarmante, anche considerato che nel 1950 la quota non andava oltre al 10%.
I più sensibili ad allergie ed asma sono i bambini sotto i 14 anni di età: il 10% soffre di asma bronchiale (nell’80% dei casi provocata da allergie); il 18-20% soffre di rinite allergica, mentre il 10% presenta dermatite atopica. Il 20% è particolarmente sensibile a polvere, polline e peli di animale.
Sono alcuni dei dati presentati oggi, in occasione della VI Giornata del bambino allergico, da Giovanni Cavagni, coordinatore del gruppo di lavoro Federasma-Siaip (la Società Italiana di Allergologia ed Immunologia Pediatrica e Federazione delle associazioni dei malati asmatici e allergici).
Ma ad allarmare non solo solo i dati sull'incidenza delle allergie. La denuncia lanciata oggi da Federasma-Siaip riguarda le cattive condizioni delle scuole italiane, che secondo un'indagine condotta dal Miur nel 2001 (il dato è l'ultimo disponibile) solo nel 43% dei casi è in possesso del certificato igienico-sanitario che attesti condizioni idonee ad accogliere gli studenti senza esporli a rischi per la propria salute.

Altrettanto grave, secondo le due associazioni, è la mancanza di una specifica normativa che regolamenti la gestione delle emergenze in caso di gravi reazioni allergiche e asmatiche attraverso l’individuazione di figure sanitarie preposte alla somministrazione dei farmaci salvavita all’interno delle scuole.
Per sopperire a queste gravi mancanze e lacune, Siaip e Federasma hanno già pronto un documento congiunto su “Raccomandazioni sulla gestione del bambino allergico a scuola” che oltre a voler essere una linea guida per dirigenti scolastici, insegnanti, e dirigenti delle Asl su come approntare le condizioni ambientali per prevenire le gravi reazioni allergiche e su come intervenire tempestivamente in maniera efficace nelle emergenze, è anche un primo approccio per il bambino affinché acquisisca comportamenti giusti per gestire al meglio i suoi disturbi allergici all’interno della scuola.

18 febbraio 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy