Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 LUGLIO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Sanità transfrontaliera. Commissione Ue: “In ogni stato è attivo il Punto di contatto nazionale”

Ognuno di questi Punti ha un proprio sito web multilingue dedicato, e la Commissione europea fornisce il supporto contribuendo a chiarire le questioni relative sia alla direttiva e alle norme di sicurezza sociale. “Con il tempo il loro ruolo è destinato ad espandersi e saranno in grado di fornire informazioni più specifiche, per esempio, le informazioni per i pazienti affetti da malattie rare”

15 DIC - La direttiva sull’assistenza transfontaliera  compie un primo passo concreto. Ogni stato membro ha attivato il Punto di contatto nazionale, il luogo dove ogni cittadino può informarsi sui servizi di cura in uno stato diverso. Questo è quanto ha comunicato Xavier Prats Monné, Direttore generale della  DG Health and Food Safety della commissione europea.
 
“L'obiettivo finale del direttiva sulla sanità transfrontaliera – spiega - è di fornire a tutti i cittadini dell'Unione europea, la parità di accesso a un'assistenza sanitaria di qualità, rispondendo alle loro esigenze specifiche. Se questo significa ricerca di un secondo parere di un altro Stato membro o di prendere un bambino con una malattia rara per uno specialista dall'altra parte dell'UE, la gente ha bisogno della rassicurazione che riceveranno la migliore assistenza possibile e che non saranno lasciati ad assumersi da soli l'onere finanziario”.
 
In questo senso “una delle sfide più importanti davanti a noi, come confermato anche in un recente sondaggio Eurobarometro, è quello di garantire che i pazienti siano informati sulle opzioni che hanno e sulle procedure di cui hanno bisogno al fine di beneficiare delle opportunità dell’assistenza sanitaria transfrontaliera. Tuttavia, attualmente meno di un europeo su dieci sa dove trovare le informazioni utili, e quattro su cinque sono le  persone che si sentono disinformate circa i loro diritti”.


Così Monné sottolinea che “abbiamo raggiunto un importante traguardo: tutti gli Stati membri dell'UE hanno ora almeno un punto di contatto nazionale (NCP) dove le persone possono saperne di più sui loro diritti sono in grado di trovare le risposte . Ognuno di questi Punti ha un proprio sito web multilingue dedicato, e la Commissione europea fornisce il supporto contribuendo a chiarire le questioni relative sia alla direttiva e alle norme di sicurezza sociale”.

“Con il tempo – conclude - , e in risposta alle richieste della società civile, il ruolo dei Punti 'potrebbe espandersi ulteriormente, in modo che saranno in grado di fornire anche informazioni più specifiche, per esempio, le informazioni per i pazienti affetti da malattie rare”.

15 dicembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy