Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 01 LUGLIO 2016
Cronache
segui quotidianosanita.it

Lecce. “Ho un tumore”, ma l'Asl fissa la Tac ad ottobre 2017. Lorenzin invia task force

Ha destato scalpore il caso denunciato da Santina Geusa al Tribunale dei diritti del malato di Lecce. La cinquantenne, che lotta da sei anni con un tumore, dopo essersi sottoposta a febbraio ad un esame che ha riscontrato nuove macchie, si è vista fissare l'appuntamento per una Tac a distanza di 600 giorni. Solo dopo la denuncia e diverse insistenze l'esame è stato fissato ed eseguito l'8 marzo scorso. Lorenzin: "Urgente istruttoria per fare piena luce sul caso".

20 MAR - "Combatto da sei anni contro un tumore, a febbraio un esame ha riscontrato nuove macchie. Ho chiesto una tac addominale il 22 febbraio scorso, è stata fissata per il 20 ottobre 2017". Così Santina Geusa racconta a Repubblica la sua storia. La cinquantunenne di Campi Salentina, con la sua denuncia al Tribunale dei diritti del malato di Lecce, ha fatto esplodere il caso delle liste d'attesa infinite, anche per esami urgenti, nelle strutture pubbliche del Salento. Solo dopo la denuncia e diverse insistenze, l'esame è stato fissato ed eseguito lo scorso 8 marzo.
 
Sul caso è intervenuto lo stesso Ministero della Salute: "Quando a chiedere l'esecuzione di una prestazione diagnostica è una persona affetta da malattia oncologica, tale richiesta assume caratteristiche di urgenza e i tempi di attesa devono essere ragionevoli, dunque brevissimi. Da notizie stampa, a Lecce la richiesta della signora Santina Geusa, malata oncologica, è stata invece trattata come una richiesta ordinaria. Un caso sul quale, in attesa anche della relazione sui fatti della Regione Puglia, dovrà fare chiarezza la task force del ministero della Salute, convocata per domani dal ministro Beatrice Lorenzin. Carabinieri del Nas, esperti di Agenas e tecnici nominati da Ministero e Regioni acquisiranno tutti gli elementi denunciati dalla signora Santina Geusa, che ha dichiarato di avere richiesto nel febbraio scorso una Tac, fissata dall'Azienda di Lecce a ottobre 2017. La circostanza che, solo dopo le insistenze della paziente, secondo quanto da lei stessa dichiarato, l'esame sia stato fissato e infine eseguito l'8 marzo scorso, non rende meno urgente un'istruttoria rigorosa che faccia piena luce sul caso".

 

20 marzo 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Viola Rita (Scienza)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy