Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 OTTOBRE 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Nas. Sei arresti e 54 persone indagate per doping. Nel mirino anche partita di Serie B


I Carabinieri del Nas di Bologna, con l’operazione “Anabolandia”, hanno scoperto un'associazione per delinquere finalizzata a favorire la prescrizione, l'approvvigionamento e l'assunzione di farmaci dopanti. Coinvolti anche medico e preparatore atletico di una squadra di Serie B per il ricorso a prodotti dopanti in una partita dei "playout".

08 GIU - Non bastava il nuovo caso ‘Calcioscommesse’ a rovinare l’immagine dello sport italiano. Questa mattina, i Carabinieri del Nas di Bologna, hanno portato a termine l’operazione "Anabolandia" notificando in Emilia Romagna, Marche e Lombardia, 6 provvedimenti cautelari tra cui quattro arresti domiciliari, un obbligo di firma  ed un sequestro preventivo di un ambulatorio medico.
Tra i destinatari delle misure,  medici, dirigenti ed informatori scientifici di una conosciuta industria farmaceutica lombarda, resisi responsabili di associazione per delinquere finalizzata a favorire la prescrizione, l’approvvigionamento e l’assunzione pericolosa di farmaci dopanti da parte di atleti,
professionisti e non, appartenenti a varie discipline (calcio, basket, atletica leggera, ciclismo, triathlon, pattinaggio, tennis, ecc.). L’indagine ha portato a individuare i componenti dell’organizzazione, facente capo ad un medico sportivo che, con la complicità dei dirigenti, degli informatori scientifici e di un infermiere, prescriveva, anche ad atleti professionisti, farmaci in classe doping, sottoponendo inoltre gli sportivi a pratiche di ossigeno-ozonoterapia al solo fine di migliorarne fraudolentemente le prestazioni agonistiche. In particolare, in occasione dello svolgimento di un’importante partita dei "playout" del campionato di Serie B di calcio, il preparatore atletico di una squadra ha fatto ricorso alle competenze del medico sportivo, per sottoporre più calciatori a trattamenti farmacologici per alterarne le prestazioni.

Numerosi gli atleti che, sottoponendosi agli espedienti del citato medico, hanno ottenuto risultati di rilievo in competizioni anche internazionali; alcuni tra questi sono stati sottoposti a controlli antidoping, risultando positivi e subendo la conseguente squalifica per più anni.
 
Le prescrizioni, emesse con nominativi falsi o inesistenti per evitare che si scoprissero i veri destinatari, venivano soddisfatte da compiacenti farmacisti a cui i dirigenti dell’industria farmaceutica, consapevoli della reale destinazione, procuravano i medicinali ad un prezzo scontato mediante fornitura diretta. Inoltre, per aumentare la vendita dei farmaci e per agevolare le pratiche dopanti fornivano, anche direttamente agli assuntori, uno speciale strumento necessario per la somministrazione.

Fenomeno allarmante e che desta seria preoccupazione è il coinvolgimento di alcuni genitori, che si rivolgevano al medico per sottoporre i figli, alcuni dei quali ancora minorenni, alle pratiche dopanti per farli primeggiare nelle varie competizioni sportive.
Nel corso delle operazioni, a carico degli indagati, complessivamente 58, e dell’industria farmaceutica coinvolta, sono state effettuate 65 perquisizioni in 17 province italiane (Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, Liguria, Toscana, Marche, Lazio, Umbria, Puglia), con il rinvenimento e il sequestro di una voluminosa documentazione probatoria, di 500 confezioni di farmaci dopanti e di decine di dispositivi medici, tra cui siringhe e speciale strumenti utilizzati per la somministrazione dei medicinali anabolizzanti.

08 giugno 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy