Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 19 SETTEMBRE 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Partorisce figlia morta. Gemelli: “Evento raro, ma non azzerabile”

Lo sottolinea una nota del Policlinico di Roma dopo il caso della bimba morta in utero al termine della gravidanza. La Direzione ha avviato un’indagine interna per approfondire l'evento. Dai primi accertamenti "non risultano responsabilità".

16 SET - “Gli studi scientifici della letteratura internazionale sottolineano come l’evento di una morte endouterina al termine della gravidanza, per quanto raro, non sia azzerabile anche attraverso l’adozione dei controlli più intensivi”. Lo sottolinea una nota della Direzione del Policlinico “A. Gemelli”di Roma che annuncia di aver avviato “immediatamente” un’indagine interna per approfondire ciò che è successo in tutti i suoi aspetti clinici e scientifici, nel caso della bimba morta in utero al termine della gravidanza.
Da un primo accertamento dei fatti "non sembra emergere una specifica responsabilità del personale medico e del Policlinico", anche per questo il Gemelli “constata, con rincrescimento, come la drammatica vicenda sia stata catalogata in poche ore e senza i necessari riscontri come malpractice, con ciò favorendo giudizi sommari e iniziative destinate più ad alimentare il clamore che ad agevolare l’accertamento dei fatti. Tale accertamento è innanzitutto interesse del Policlinico e di tutti i suoi operatori”.
“In questo momento – conclude la nota - il primo pensiero dei medici e di tutto il personale del Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente del Gemelli, impegnati ogni giorno con dedizione e competenza a dare il massimo aiuto per la nascita di vite umane, non può che andare alla giovane famiglia che sta vivendo questo profondo dolore”.

 

16 settembre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy