Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 LUGLIO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Disturbi digestivi. Boom in autunno, 15 milioni di italiani Ko

Ne soffre il 58% degli italiani e le donne sono colpite due volte più degli uomini. Per trovare possibili rimedi, il network Apoteca Natura e la Simg, hanno organizzato per il mese di novembre una campagna di prevenzione e informazione in 500 farmacie.

06 OTT - Stipsi, gonfiore e bruciore di stomaco mandano al tappeto 1 italiano su 4. Con il cambio di stagione, di alimentazione e il ritorno all’ora solare si ripresentano puntuali i disturbi gastrointestinali. Le donne sono 2 volte più colpite degli uomini (25% contro 11%) e la frequenza aumenta con l’avanzare dell’età. Per scoprire il proprio tato di salute e i possibili rimedi, il network di farmacie Apoteca Natura e la Simg (Società Italiana di Medicina Generale) hanno organizzato la campagna di informazione e prevenzione “Stomaco e intestino al centro della tua salute”, al via dal primo novembre in 500 farmacie in tutto il Paese. Con un semplice test gratuito, attraverso una serie di domande mirate, sarà possibile tracciare la propria “mappa” del benessere gastrointestinale e, con l’aiuto del farmacista, individuare soluzioni personalizzate.

“È un’importante attività di sensibilizzazione che ha il proprio punto di forza nelle farmacie dei servizi, veri e propri avamposti della salute al servizio del cittadino – ha spiegato Claudio Cricelli, presidente Simg –. Chi si sottoporrà alla prova potrà ricevere in tempo reale importanti consigli di prevenzione e automedicazione”. Il test sarà disponibile anche online ( sul sito www.apotecanatura.it ), dove si potrà effettuare in forma anonima, ritirando poi i risultati presso la farmacia Apoteca Natura più vicina.

“La collaborazione con Simg – ha proseguito Cricelli – unisce il meglio delle due professionalità a vantaggio del cittadino/paziente. In base ai risultati di questo test personalizzato, infatti, il farmacista potrà svolgere un’importante funzione di sensibilizzazione e di filtro, aiutando la persona a prendere atto del suo problema e capire quando è opportuno rivolgersi al medico per un approfondimento”.
I rimedi naturali possono essere di grande utilità per questi disturbi. “La fitoterapia rappresenta un’ottima soluzione complementare ai farmaci  – ha aggiunto Giuseppe Ventriglia, medico Simg ed esperto di fitoterapia –. Nel corso del 2010 nel nostro Paese sono stati spesi complessivamente 3.368 milioni di euro in medicinali per la cura di questi problemi con un aumento rispetto all’anno precedente del 6,7%”.

Le cause dei disturbi gastrointestinali possono variare da persona a persona, ma è certo che ritmi frenetici, emozioni e ansie, stress e abitudini alimentari sregolate possono favorirne l’insorgenza. Inoltre, anche diete fai da te, fumo, assunzione eccessiva di alcol ed eccitanti come caffè, the e persino un abbigliamento troppo stretto, soprattutto in vita, contribuiscono ad acuire il problema. “Il primo rimedio – ha concluso Ventriglia – è cambiare le proprie abitudini. Nei casi in cui i sintomi si presentino più frequentemente può diventare allora opportuno intervenire con prodotti naturali”.

06 ottobre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy