Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 LUGLIO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Le cadute degli anziani? Nel 50% dei casi sono evitabili

L'analisi è dei fisioterapisti italiani (Sif) riuniti nel loro primo Congresso a Pacengo (Vr). La casa rimane il luogo nel quale vengono registrati il più alto numero di incidenti. Il costo delle cadute rappresenta tra lo 0,9% e l’1,5% della spesa totale sanitaria.

07 OTT - Le cadute rappresentano un evento frequente nella popolazione anziana, riguardando un terzo delle persone sopra i 65 anni, e circa la metà delle persone sopra gli 80 anni. L'evento implica conseguenze spesso gravi per la autonomia e per la qualità della vita delle persone, oltre ad imporre elevati costi per i sistemi sanitari di tutto il mondo. Il costo delle cadute in vari paesi è stato infatti recentemente stimato fra lo 0.9% il 1.5% della spesa totale sanitaria e fra lo 0.07% e lo 0.20% del Prodotto Interno Lordo. Eppure moltissime di queste sono evitabili, con una possibile riduzione della loro frequenza di quasi il 50%. A sostenerlo sono i fisioterapisti italiani riuniti (Sif) nel loro primo Congresso presso Pacengo (Vr).
Le maggiori insidie continuano a presentarsi in casa, nella quotidianità. Ma quali sono i fattori che aumentano il rischio di caduta nelle persone anziane?

“Le cadute e le loro gravissime conseguenze soprattutto nelle persone anziane – ha spiegato Paolo Pillastrini, presidente nazionale della Società Italiana di Fisioterapia – raccomandano un programma personalizzato di esercizi condotto da fisioterapisti. Questo tipo di programmi dovrebbe essere associato ad una riduzione degli ostacoli dell'ambiente in cui la persona vive: ad esempio, gli ostacoli, come tappeti, mobili bassi o instabili dovrebbero essere rimossi, l'illuminazione degli ambienti dovrebbe essere adeguata, e le calzature sicure, con suola non in cuoio e chiuse nella parte posteriore della tomaia”.
“L’intervento prezio
so del fisioterapista – ha aggiunto Antonio Bortone, presidente nazionale dell’Associazione Italiana Fisioterapisti (Aifi) – è sempre necessario nella persona anziana. Grazie ad esercizi su misura, effettuati costantemente durante l’arco dell’anno, accompagnati da una leggera attività fisica quotidiana, muscolatura, ossa, tendini, riescono a mantenersi in forma e consentire all’anziano autonomia negli spostamenti, punto fondamentale per una buona qualità di vita”.
 
“Per comprendere al meglio l’importanza della fisioterapia nel paziente anziano – ha precisato il presidente Pillastrini – sarà ad esempio presentato uno studio che ha esaminato le reazioni posturali a perturbazioni esterne rapide in 51 pazienti, di cui 30 giovani e 9 anziani sani e 12 pazienti con Morbo di Pakinson. I risultati mostrano che le persone anziane sane e con Morbo di Parkinson hanno maggiori difficoltà a contrastare in modo efficace le perturbazioni rispetto alle persone giovani, con una evidente maggiore esposizione al rischio di caduta”. “Un secondo studio – ha proseguito il presidente Sif –ha invece valutato la capacità del Performance Oriented Mobility Assessment (POMA), una scala di valutazione del cammino e dell’equilibrio, per identificare chi è maggiormente a rischio di caduta”. “Lo studio, condotto su 110 persone anziane istituzionalizzate, ha individuato nel movimento di ‘tornare indietro’ il fattore di rischio principale di cadute ripetute. Infine – ha concluso - saranno presentate alcune comunicazioni che riassumono in modo sistematico la letteratura recente sulle strategie per la riduzione delle cadute”.
 


07 ottobre 2011
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy