Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 17 AGOSTO 2018
Cronache
segui quotidianosanita.it

Vaccini obbligatori. In Francia come in Italia: dal 1º gennaio operativa la nuova legge. In tutto richieste 11 vaccinazioni per iscrizione a scuola

La legge, varata nell’ottobre scorso è diventata operativa dal primo dell’anno. I vaccini passati da raccomandati a obbligatori sono otto: pertosse, morbillo, parotite, rosolia, epatite B, Haemophlilus influenzae B, pneumococco e meningococco C che si aggiungono ai tre già obbligatori e cioè difterite, tetano e polio. Spesa prevista: 12 milioni di euro. Anche oltralpe ci sono state polemiche con i no vax ma il Governo è andato avanti lo stesso.

06 GEN - Dopo un acceso dibattito di diversi mesi, il passaggio da tre a undici vaccinazioni obbligatorie è entrato in vigore in Francia da lunedì 1 gennaio 2018 e il governo spera che grazie all’obbligo si ripristini un livello adeguato di copertura vaccinale.

 
Queste le otto vaccini precedentemente raccomandate che sono diventate obbligatorie: 
• pertosse
morbillo
parotite
rosolia 
epatite B
Haemophilus influenzae B
pneumococco
meningococco C .
 
Che si aggiungono alle tre già obbligatorie:
difterite dal 1938
tetano dal 1940
polio dal 1964
 
Queste undici vaccinazioni saranno essenziali per l'ammissione del bambino nella comunità scolastica (asilo nido e scuola dell'obbligo), ma la legge prevede una certa elasticità per i primi sei mesi del 2018.
 
In ogni caso secondo il governo francese con la nuova legge cambia molto poco per la maggior parte dei bambini. Secondo il ministero della Salute infatti tra il 70 e l'80% dei bambini francesi sarebbe già sottoposto alle stesse vaccinazioni. 
 
E questo perché, spiegano, la distinzione tra vaccini obbligatori e raccomandati era diventata in gran parte teorica poiché i tre “vecchi” obbligatori non venivano da tempo più commercializzati da soli ma venivano associati in forma polivalente anche ad altri vaccini.
 
Tuttavia, come avvenuto in Italia, anche in Francia il principio dell'obbligo si è scontrato con il fronte no vax  e per l’economista sanitario  Frédéric Bizard, “questo obbligo è un segno di un fallimento della politica di salute pubblica che non è riuscita a convincere la popolazione”
 
Le vaccinazioni richieste saranno coperte al 65% dall'assicurazione sanitaria pubblica, tranne rosolia, parotite e morbillo, supportati al 100% per i minori. Costo complessivo: circa 12 milioni di euro, secondo il ministero.


06 gennaio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy