Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 GIUGNO 2018
Cronache
segui quotidianosanita.it

Regno Unito. Nel caso di Brexit senza accordo con UE si prepara scenario da “Apocalisse”. Carenze di cibo, farmaci e carburante

Tre i possibili scenari che si profilerebbero. Il primo rifletterebbe una situazione definita 'mite', il secondo una 'seria', il terzo uno scenario da 'Apocalisse'. Nel secondo scenario, dunque neanche il peggiore, il porto di Dover collassa il primo giorno, i supermercati in Cornovaglia e Scozia finiranno il cibo entro un paio di giorni e gli ospedali esauriranno i medicinali entro due settimane. A rilevarlo è il Sunday Times citando uno studio messo a punto dal gruppo di lavoro del ministro per la Brexit.

04 GIU - Il Regno Unito si prepara al peggio nel caso in cui il prossimo 29 marzo dovesse uscire dall'UE senza un accordo. Come riportato dal Sunday Times, alti funzionari del governo al lavoro per il ministro per la Brexit David Davis, hanno messo a punto uno studio nel quale vengono previsti possibli scenari da "Apocalisse". Entro due settimane da quella data nel Paese potrebbero registrarsi carenze di farmaci, carburante e cibo. E il governo avrebbe già cominciato a lavorare a piani di emergenza che prevedono un collasso del porto di Dover già dal "primo giorno". 
 
Il domenicale ha rivelato come, già dal mese scorso, funzionari del dicastero per la Brexit, insieme ai loro colleghi alla Sanità e ai Trasporti, hanno preparato tre possibili scenari per una Brexit senza accordo
 

 



 
Il primo rifletterebbe una situazione 'mite', il secondo una situazione 'seria' ed il terzo è stato soprannominato da 'Apocalisse' ('Armageddon'). "Nel secondo scenario, quindi neanche il peggiore, il porto di Dover collassa il primo giorno - ha detto una fonte anonima citata dal domenicale - I supermercati in Cornovaglia e Scozia finiranno il cibo entro un paio di giorni e gli ospedali esauriranno i medicinali entro due settimane".
 
In questo scenario, prosegue il giornale, il governo sarebbe costretto a organizzare voli charter, oppure a usare aerei della Raf, per portare generi alimentari e medicine negli angoli più lontani del Regno. "Bisognerà fare arrivare le medicine nel Paese per via aerea - ha proseguito la fonte e alla fine della seconda settimana finirà anche la benzina".

04 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy