Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 18 LUGLIO 2018
Cronache
segui quotidianosanita.it

Giornata Mondiale del Rifugiato. Aodi (Medici stranieri): “Presenteremo il censimento dei professionisti della sanità di origine straniera, auspicando che mai nessuno di loro venga espulso”

“È bene ricordare che i medici di origine straniera non tolgono affatto lavoro ai medici italiani, dato che negli ultimi due anni è anche aumentato del 20% il numero delle richieste dei medici stranieri di tornare nei loro paesi di origine”. Così Foad Aodi, secondo il quale le chiusure, i muri e i censimenti nei confronti dei rom “non risolvono affatto il problema dellʼimmigrazione irregolare e della sicurezza”

20 GIU - Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato e lʼAssociazione Medici di origine Straniera in Italia (Amsi) annuncia la data del suo prossimo Congresso sul “19° corso di aggiornamento internazionale ed interdisciplinare” , che si terrà a Roma sabato prossimo, 23 giugno, presso l’Ars medica in via Cesare Ferrero di Cambiano.
 
Al convegno parteciperanno autorità, rappresentanti della istituzioni ed esperti del settore, ed è patrocinato dall’Ordine dei edici chirurghi ed odontoiatri (Omceo) della provincia di Roma, dal Movimento Uniti per Unire e dalla Confederazione Internazionale (Umem-Unione Medica Euromeditteranea). Partendo dall’anno 2000, sono ben 600 i convegni  locali, nazionali ed internazionali organizzati dall’Amsi in collaborazione con i movimenti ed associazioni a lei prossimi. 

“Saremo lieti - afferma Foad Aodi, Fondatore dellʼAmsi e del Movimento Internazionale Uniti per Unire - di illustrare durante i lavori del convegno i capisaldi del nostro progetto 'Buona Sanita'. Il nostro principale obiettivo è quello di arrivare a costruire un Sistema Sanitario Nazionale efficace, sicuro, al servizio di tutti , sia italiani che di origine straniera. Una sanità di qualità, efficiente ed umana  è un diritto universale che spetta a tutti, ed è su questo importante tema che dobbiamo confrontarci con le istituzioni. Ed il ruolo dei medici di origine straniera presenti sul nostro territorio è fondamentale. È bene ricordare che i medici di origine straniera non tolgono affatto lavoro ai medici italiani, dato che negli ultimi due anni è anche aumentato del 20% il numero delle richieste dei medici stranieri di tornare nei loro paesi di origine”.


Il progetto “Buona Sanità”, promosso dallʼAmsi ,dallʼUmem e da Uniti per Unire, è in perfetta sinergia con un altro progetto gemello, “Buona Immigrazione”, portato avanti da anni dai movimenti vicini allʼAmsi nel rispetto dei diritti e dei doveri , della solidarietà e dellʼimmigrazione programmata. Un progetto che risulta propedeutico al controllo dell’immigrazione in Italia, coniugata con i diritti umani, abbattendo cosi i muri dell’intolleranza , del razzismo, del mercato degli esseri umani e del trattamento, che Aodi definisce “disumano e gravissimo” nei confronti dei bambini ai confini degli Usa separandoli dai loro famigliari.

“Questa è  la nostra risposta migliore nella Giornata Mondiale del Rifugiato ai muri, alle strumentalizzazioni politiche e mediatiche”. Ha spiegato Aodi, annunciando poi che sabato saranno presentate le statistiche ed il censimento su i professionisti della sanità di origine straniera in Italia, “auspicando che nessuno venga mai espulso per motivi razziali e religiosi anche perché  la maggioranza 'purtroppo sono italiani'”.

Altrettanto vale per tutti i cittadini di origine straniera compreso i rom, Aodi invita quindi politici, giornalisti e società civile a lavorare insieme in favore dellʼItalia , abbassando  i toni e contrastando le proposte che definisce “shock” come le chiusure, i muri e i censimenti nei confronti dei rom “che non risolvono affatto il problema dellʼimmigrazione irregolare e della sicurezza - conclude Aodi -. Va rafforzata invece la collaborazione con i nostri paesi di origine con accordi bilaterali e allo stesso tempo è necessario responsabilizzate tutti i paesi europei nella questione dellʼaccoglienza e dell’integrazione  tramite la creazione di un’unica  legge europea per lʼimmigrazione, cosa che chiediamo da anni”.

20 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy