Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 11 DICEMBRE 2018
Cronache
segui quotidianosanita.it

Giornata Mondiale del Rifugiato. Aodi (Medici stranieri): “Presenteremo il censimento dei professionisti della sanità di origine straniera, auspicando che mai nessuno di loro venga espulso”

“È bene ricordare che i medici di origine straniera non tolgono affatto lavoro ai medici italiani, dato che negli ultimi due anni è anche aumentato del 20% il numero delle richieste dei medici stranieri di tornare nei loro paesi di origine”. Così Foad Aodi, secondo il quale le chiusure, i muri e i censimenti nei confronti dei rom “non risolvono affatto il problema dellʼimmigrazione irregolare e della sicurezza”

20 GIU - Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato e lʼAssociazione Medici di origine Straniera in Italia (Amsi) annuncia la data del suo prossimo Congresso sul “19° corso di aggiornamento internazionale ed interdisciplinare” , che si terrà a Roma sabato prossimo, 23 giugno, presso l’Ars medica in via Cesare Ferrero di Cambiano.
 
Al convegno parteciperanno autorità, rappresentanti della istituzioni ed esperti del settore, ed è patrocinato dall’Ordine dei edici chirurghi ed odontoiatri (Omceo) della provincia di Roma, dal Movimento Uniti per Unire e dalla Confederazione Internazionale (Umem-Unione Medica Euromeditteranea). Partendo dall’anno 2000, sono ben 600 i convegni  locali, nazionali ed internazionali organizzati dall’Amsi in collaborazione con i movimenti ed associazioni a lei prossimi. 

“Saremo lieti - afferma Foad Aodi, Fondatore dellʼAmsi e del Movimento Internazionale Uniti per Unire - di illustrare durante i lavori del convegno i capisaldi del nostro progetto 'Buona Sanita'. Il nostro principale obiettivo è quello di arrivare a costruire un Sistema Sanitario Nazionale efficace, sicuro, al servizio di tutti , sia italiani che di origine straniera. Una sanità di qualità, efficiente ed umana  è un diritto universale che spetta a tutti, ed è su questo importante tema che dobbiamo confrontarci con le istituzioni. Ed il ruolo dei medici di origine straniera presenti sul nostro territorio è fondamentale. È bene ricordare che i medici di origine straniera non tolgono affatto lavoro ai medici italiani, dato che negli ultimi due anni è anche aumentato del 20% il numero delle richieste dei medici stranieri di tornare nei loro paesi di origine”.


Il progetto “Buona Sanità”, promosso dallʼAmsi ,dallʼUmem e da Uniti per Unire, è in perfetta sinergia con un altro progetto gemello, “Buona Immigrazione”, portato avanti da anni dai movimenti vicini allʼAmsi nel rispetto dei diritti e dei doveri , della solidarietà e dellʼimmigrazione programmata. Un progetto che risulta propedeutico al controllo dell’immigrazione in Italia, coniugata con i diritti umani, abbattendo cosi i muri dell’intolleranza , del razzismo, del mercato degli esseri umani e del trattamento, che Aodi definisce “disumano e gravissimo” nei confronti dei bambini ai confini degli Usa separandoli dai loro famigliari.

“Questa è  la nostra risposta migliore nella Giornata Mondiale del Rifugiato ai muri, alle strumentalizzazioni politiche e mediatiche”. Ha spiegato Aodi, annunciando poi che sabato saranno presentate le statistiche ed il censimento su i professionisti della sanità di origine straniera in Italia, “auspicando che nessuno venga mai espulso per motivi razziali e religiosi anche perché  la maggioranza 'purtroppo sono italiani'”.

Altrettanto vale per tutti i cittadini di origine straniera compreso i rom, Aodi invita quindi politici, giornalisti e società civile a lavorare insieme in favore dellʼItalia , abbassando  i toni e contrastando le proposte che definisce “shock” come le chiusure, i muri e i censimenti nei confronti dei rom “che non risolvono affatto il problema dellʼimmigrazione irregolare e della sicurezza - conclude Aodi -. Va rafforzata invece la collaborazione con i nostri paesi di origine con accordi bilaterali e allo stesso tempo è necessario responsabilizzate tutti i paesi europei nella questione dellʼaccoglienza e dell’integrazione  tramite la creazione di un’unica  legge europea per lʼimmigrazione, cosa che chiediamo da anni”.

20 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy