Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 29 GIUGNO 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Oms e Google stringono alleanza per migliorare l’attività fisica delle persone. I consigli arrivano direttamente su smartphone 


Attraverso l'app Google Fit “Coaching per una vita più sana e più attiva” l'Oms sta cercando di raggiungere più persone con le sue raccomandazioni sull'attività fisica e mostrando perché spostarsi di più fa bene alla salute. Nel 2018, l'Oms ha lanciato un piano d'azione globale sull'attività fisica per aiutare a rendere più attive le persone per un mondo più sano. L'Oms sta anche portando avanti l'agenda globale sulla salute digitale. LINEE GUIDA OMS SULL'ATTIVITA' FISICA.

31 AGO - Alleanza Oms-Google: l’Organizzazione mondiale della Sanità è al lavoro con l'azienda di Mountain View per realizzare l’obiettivo di impegnarsi a stretto contatto con il mondo digitale per promuovere e proteggere la salute di tutte le persone.

Attraverso l'app Google Fit “Coaching per una vita più sana e più attiva” l'Oms sta cercando di raggiungere più persone con le sue raccomandazioni sull'attività fisica e mostrando perché spostarsi di più fa bene alla salute.
L'app dà crediti all'attività fisica svolta, monitorando ogni corsa effettuata, camminata o giro in bicicletta: basta tenere lo smartphone in tasca mentre si eseguono.
Per ricevere crediti relativi ad altre attività, ad esempio giardinaggio o tennis, basta scegliere dall'elenco "attività" proposto e impostare Fit perché la monitori la volta che verrà eseguita o anche registrarla nell'app al termine. 

Nel 2018, l'Oms ha lanciato un piano d'azione globale sull'attività fisica per aiutare a rendere più attive le persone per un mondo più sano.
L'Oms sta anche portando avanti l'agenda globale sulla salute digitale e punta anche a insegnare a mangiare sano ed evitare il tabacco e l'uso dannoso di alcol.

Alla settantunesima assemblea mondiale della sanità, i governi hanno riconosciuto il potenziale delle tecnologie digitali per migliorare la salute pubblica, promuovere la copertura sanitaria universale e promuovere gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Nel riunire entrambe le iniziative, l'Oms ha avviato la sua collaborazione con Google per condividere i consigli sulla salute attraverso piattaforme nuove e innovative. 

Per migliorare la salute, l'Oms raccomanda che gli adulti di età compresa tra i 18 ei 64 anni effettuino ogni settimana almeno 150 minuti di attività fisica aerobica di intensità moderata o di 75 minuti o una combinazione equivalente di entrambi.

Essere fisicamente attivi, dal camminare al lavoro, dalla bicicletta alla scuola, può portare benefici alla salute in molti modi, dall'ipertensione all'ipertensione, al sovrappeso e all'obesità, al miglioramento della salute mentale, al benessere generale e alla qualità della vita.

Secondo l’Oms L'attività fisica insufficiente è uno dei principali fattori di rischio per la morte in tutto il mondo ed è un fattore di rischio chiave per le malattie non trasmissibili (NCD) come le malattie cardiovascolari, il cancro e il diabete.

L'attività fisica ha significativi benefici per la salute e contribuisce a prevenire le malattie non trasmissibili, ma globalmente, 1 su 4 adulti non è abbastanza attivo.

Più dell'80% della popolazione di adolescenti del mondo non è sufficientemente attiva fisicamente e le politiche per affrontare un'attività fisica insufficiente sono operative nel 56% degli Stati membri dell'Oms che hanno convenuto di ridurre l'attività fisica insufficiente del 10% entro il 2025.

Per i bambini e gli adolescenti l’Oms raccomanda di fare almeno 60 minuti di attività fisica da moderata a intensa ogni giorno. L'attività fisica di quantità superiori a 60 minuti al giorno fornirà ulteriori benefici per la salute e si dovrebbe includere attività che rafforza muscoli e ossa, almeno 3 volte a settimana.

Gli adulti tra i 18 e i 64 anni  devono fare almeno 150 minuti di attività fisica a intensità moderata per tutta la settimana o svolgere almeno 75 minuti di attività fisica ad intensità vigorosa per tutta la settimana o una combinazione equivalente di attività di intensità moderata e vigorosa.

Per ulteriori benefici per la salute, gli adulti dovrebbero aumentare la loro attività fisica di intensità moderata a 300 minuti a settimana, o equivalenti e le attività di rafforzamento muscolare dovrebbero essere effettuate coinvolgendo i principali gruppi muscolari in 2 o più giorni alla settimana.

Chi ha oltre 65 anni deve svolgere almeno 150 minuti di attività fisica ad intensità moderata per tutta la settimana o almeno 75 minuti di attività fisica ad intensità vigorosa per tutta la settimana o una combinazione equivalente di attività di intensità moderata e vigorosa e per ulteriori benefici per la salute, dovrebbero aumentare l'attività fisica di intensità moderata a 300 minuti a settimana o equivalenti.

Quelli con scarsa mobilità dovrebbero svolgere attività fisica per migliorare l'equilibrio e prevenire cadute, 3 o più giorni alla settimana  e le attività di rafforzamento muscolare dovrebbero essere effettuate coinvolgendo i principali gruppi muscolari, 2 o più giorni alla settimana.

L'intensità delle diverse forme di attività fisica varia tra le persone. Per essere benefiche per la salute cardiorespiratoria, tutte le attività dovrebbero essere eseguite in periodi di almeno 10 minuti.

L'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e l'impegno assunto dai leader mondiali per sviluppare risposte SDG nazionali ambiziose offrono l'opportunità di riorientare e rinnovare gli sforzi per promuovere l'attività fisica. 

L'Oms sta lavorando a un nuovo piano d'azione globale, che sfrutterà i contributi di tutti i settori interessati, in particolare l'ambiente, l'istruzione, la salute, lo sport e la tecnologia – di cui Google fa parte - per accelerare i progressi nel raggiungimento degli obiettivi globali volontari della BCD fissati dall'Assemblea mondiale della sanità per il 2025 e gli obiettivi SDG impostati per il 2030.

Il piano fornirà opzioni politiche per gli Stati membri, i partner internazionali e l'Oms e sarà sviluppato in stretta collaborazione con tutte le parti interessate, tenendo conto delle attuali conoscenze scientifiche, delle prove disponibili, dell'esame di esperienze, innovazioni e dati internazionali.
 

31 agosto 2018
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy