Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 20 LUGLIO 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Milano. Due immobili Enpam tra i più “verdi” d’Italia

La certificazione Leed Platinum è stata conferita pochi giorni fa al palazzo affittato da Amazon come sua sede per l‘Italia e verrà assegnata anche all’ex hotel Executive, famoso per il calciomercato, una volta completati i lavori di riqualificazione. Il presidente Enpam, Alberto Oliveti: "Vogliamo che i nostri investimenti abbiano una ricaduta positiva sull’ambiente e sul sociale. E che tutti questi effetti siano consistenti e misurabili”.

10 OTT - Due immobili appartenenti al portafoglio immobiliare di Enpam entrano nell’elite delle costruzioni più verdi d’Italia. La certificazione Leed Platinum è stata conferita pochi giorni fa al palazzo affittato da Amazon come sua sede per l‘Italia e verrà assegnata anche all’ex hotel Executive, famoso per il calciomercato, una volta completati i lavori di riqualificazione.

In Italia sono solo 36 le strutture che ad oggi hanno ottenuto questa certificazione.

L'immobile che ospita Amazon si trova in via Montegrappa a Milano e fa parte del fondo Antirion Global, di cui la Fondazione è quotista unico. Lo stabile era stato acquistato dall’Enpam nel 1978 e poi conferito nel 2014 al fondo gestito da Antirion Sgr. La multinazionale dell’ecommerce l’ha preso in affitto al termine dei lavori di riqualificazione che si sono conclusi lo scorso anno.

“Siamo impegnati a riqualificare e valorizzare un patrimonio immobiliare costruito in anni caratterizzati da logiche diverse rispetto a quelle odierne – ha detto Alberto Oliveti, presidente della Fondazione Enpam –. Per questa ragione vogliamo che i nostri investimenti abbiano una ricaduta positiva sull’ambiente e sul sociale. E che tutti questi effetti siano consistenti e misurabili”.


La certificazione Leed Platinum non si limita ad analizzare l’efficienza energetica dell'immobile, ma fa un passo ulteriore valutandone la sostenibilità ambientale durante l'intero ciclo di vita.

Nella costruzione di via Montegrappa sono stati utilizzati materiali in grado di ridurre l'impronta energetica sia nella produzione che nello smaltimento. Il punteggio ha tenuto conto inoltre del benessere degli occupanti e della sostenibilità sociale complessiva.

Avrà il riconoscimento Leed Platinum anche l’immobile dell’ex hotel Executive, di fronte alla stazione Garibaldi di Milano. La proprietà, appartenente al portafoglio immobiliare di Enpam tramite il fondo Antirion Global, è situata nel quartiere direzionale di Porta Nuova e verrà convertita tra la fine del prossimo anno e l'inizio del 2020. Il nuovo complesso sarà composto da tre edifici di dieci piani a uso uffici.

I due immobili non sono in ogni caso i soli, tra quelli direttamente o indirettamente riferibili di Enpam, ad avere ottenuto una certificazione Leed.

Il livello Gold, immediatamente inferiore al Platinum, è stato attribuito ad altri tre palazzi milanesi: la sede di Axa, a pochi passi dall'ex hotel Executive, la sede di Ernst&Young, nella centrale via Meravigli, e il quartier generale di TeamSystem, in via Cornalia. I primi due appartengono al fondo Antirion Global, mentre l’ultimo è di diretta proprietà della Fondazione Enpam ed è gestito dalla controllata Enpam Real Estate.

10 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy