Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Giornata internazionale persone anziane: in un’app i consigli Oms per vivere al meglio la terza età

L'App WHOP ICOPE Handbook fornisce una guida pratica per affrontare le condizioni prioritarie tra cui limitazioni di mobilità, malnutrizione, perdita della vista e dell'udito, declino cognitivo, sintomi depressivi, assistenza sociale e supporto ed è utilizzata insieme a un pacchetto di strumenti che include un nuovo manuale. Popolazione mondiale in aumento, ma non in Italia dove tra il 2020 e il 2010 si ridurrà secondo l'ONU di oltre 20 milioni. Ovunque in aumento gli over 65 e gli over 80. LINEE GUIDA OMS SU ASSISTENZA INTEGRATA PER GLI ANZIANI (ICOPE) - MOBILE HEALTH FOR AGING (MAGEING) - MANUALE ICOPE - ASSISTENZA INTEGRATA AGLI ANZIANI (ICOPE): GUIDA PER SISTEMI E SERVIZI.

01 OTT - In occasione della Giornata internazionale degli anziani del 1° ottobre l'Organizzazione mondiale della sanità sta lanciando un pacchetto di strumenti, tra cui un'applicazione digitale per aiutare gli operatori sanitari e sociali a fornire una migliore assistenza agli anziani.

L'invecchiamento della popolazione, secondo l’Oms,  ha profonde implicazioni per molte sfaccettature della vita umana. Una popolazione che invecchia influenzerà tutto, dalle economie, ai mercati del lavoro, all'assistenza sanitaria e sociale. Questa prospettiva richiede una migliore comprensione delle implicazioni e delle possibilità dell'invecchiamento della popolazione, e della situazione delle persone anziane stesse. 

Mentre la popolazione anziana sta crescendo a una velocità accelerata, esistono molte lacune nelle statistiche e nei dati relativi all'invecchiamento, che incidono sulla capacità di sviluppare politiche e programmi mirati per affrontare le sfide legate all'invecchiamento.

L'innovativa applicazione digitale interattiva nota come App WHOP ICOPE Handbook (è possibile installarla cliccando sul link) fornisce una guida pratica per affrontare le condizioni prioritarie tra cui limitazioni di mobilità, malnutrizione, perdita della vista e dell'udito, declino cognitivo, sintomi depressivi, assistenza sociale e supporto. Utilizzata insieme a un pacchetto di strumenti che include un nuovo manuale, l'app accelererà la formazione degli operatori sanitari e sociali per rispondere meglio alle diverse esigenze delle persone anziane. 

 
                                                                                                       L'app Oms


“È essenziale che i servizi per le persone anziane siano inclusi nei pacchetti sanitari universali. Allo stesso tempo, è necessario un buon coordinamento tra i servizi sanitari e sociali per fornire cure ottimali quando necessario. Il nuovo pacchetto di strumenti supporta l'invecchiamento in buona salute con un modello di assistenza centrato sulla persona e coordinato ”afferma Anshu Banerjee, direttore del dipartimento di salute materna, neonatale, infantile e adolescenziale e invecchiamento dell'Oms.

“Tale innovazione consentirà alle persone anziane di continuare a fare le cose che apprezzano e impedire loro di isolamento sociale e dipendenza dalle cure. ", Afferma Islene Araujo de Carvalho, leader del gruppo sull'invecchiamento e l'assistenza integrata presso l'Oms. "Intervenire vicino a dove vivono le persone anziane, con la partecipazione attiva della comunità e delle persone anziane stesse, è essenziale per un piano di assistenza personalizzato".

Il pacchetto di strumenti per l'assistenza integrata agli anziani è il risultato di due anni di ampie consultazioni con i principali esperti e parti interessate, compresi i rappresentanti della società civile.  

L'agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile riconoscono che lo sviluppo sarà realizzabile solo se includerà persone di tutte le età. Responsabilizzare le persone anziane e consentire la loro piena partecipazione e inclusione sociale nella buona salute sono modi per ridurre le disparità.  

La popolazione mondiale sta invecchiando rapidamente. Entro il 2050 una persona su cinque avrà più di 60 anni. Il numero di persone di età superiore a 80 anni dovrebbe triplicare da 143 milioni nel 2019 a 426 milioni nel 2050. Mentre ogni persona anziana è diversa, la capacità fisica e mentale tende a diminuire con l'aumentare dell'età.  

In Italia, uno dei paesi “più vecchi del mondo” secondo i dati ONU la popolazione è destinata a un calo progressivo, passando dai 60,5 milioni circa del 2020 ai 54,3 del 2050 fino a sfiorare nel 2100 i 40 milioni (39,993), con una riduzione del 34 per cento.

E mentre gli under 15 si ridurranno progressivamente dai circa 7,8 milioni del 2020 ai 6,3 del 2050 fino a raggiungere nel 2100 i 4,8 milioni circa, gli over 65 passeranno da poco più di 14 milioni del 2020 a quasi 19,6 milioni nel 2050 per scendere a 14,5 milioni nel 2100 ma per la diminuzione progressiva della popolazione generale. La loro incidenza sul totale degli italiani, infatti, che nel 2020 è del 23,3% supererà il 36% nel 2050 per raggiungere il 36,3% nel 2100 con un picco al 37,2% circa nel 2080. Anche gli ultraottantenni aumenteranno significativamente passando dal 7,49% della popolazione complessiva del 2020 al 14,88% nel 2050, raggiungendo il 18,94% nel 2100.
 



 

Ma se in Italia la popolazione diminusice, secondo il rapporto ONU “World Population Prospects 2019: Highlights” tutta la popolazione mondiale dovrebbe aumentare di 2 miliardi di persone nei prossimi 30 anni, da 7,7 miliardi attualmente a 9,7 miliardi nel 2050 e secondo lo studio potrebbe raggiungere il suo picco verso la fine del secolo in corso, a un livello di quasi 11 miliardi.

Il rapporto ha anche confermato che la popolazione mondiale sta invecchiando a causa dell'aumento dell'aspettativa di vita e del calo dei livelli di fertilità e che il numero di paesi che stanno sperimentando una riduzione della dimensione della popolazione sta crescendo. I conseguenti cambiamenti nella dimensione, composizione e distribuzione della popolazione mondiale hanno importanti conseguenze per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile, concordati a livello globale per migliorare la prosperità economica e il benessere sociale, proteggendo al contempo l'ambiente.

Le nuove proiezioni demografiche indicano che nove paesi rappresenteranno più della metà della crescita prevista della popolazione mondiale tra oggi e il 2050: India, Nigeria, Pakistan, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Repubblica Unita di Tanzania, Indonesia, Egitto e gli Stati Uniti d'America (in ordine decrescente dell'incremento previsto). Intorno al 2027, l'India dovrebbe superare la Cina come il paese più popoloso del mondo.

La popolazione dell'Africa sub-sahariana dovrebbe raddoppiare entro il 2050 (aumento del 99%). Le regioni che potrebbero sperimentare tassi più bassi di crescita della popolazione tra il 2019 e il 2050 includono l'Oceania esclusa Australia / Nuova Zelanda (56%), Africa settentrionale e Asia occidentale (46%), Australia / Nuova Zelanda (28%), Asia centrale e meridionale (25 %), America Latina e Caraibi (18%), Est e Sud-Est asiatico (3%), Europa e Nord America (2%).

Il tasso di fertilità globale, che è sceso da 3,2 nascite per donna nel 1990 a 2,5 nel 2019, si prevede che scenderà ulteriormente a 2,2 nel 2050. Nel 2019, la fertilità rimane in media sopra 2,1 nascite per donna, in media, per tutta la vita nel sub-sahariano Africa (4.6), Oceania esclusa Australia / Nuova Zelanda (3.4), Africa settentrionale e Asia occidentale (2.9) e Asia centrale e meridionale (2.4). (È necessario un livello di fertilità di 2,1 nascite per donna per garantire la sostituzione di generazioni ed evitare il declino della popolazione nel lungo periodo in assenza di immigrazione).

Entro il 2050, una persona su sei nel mondo avrà più di 65 anni (16%), rispetto a una su 11 nel 2019 (9%). Secondo il rapporto la riduzione della percentuale di popolazione in età lavorativa sta esercitando pressioni sui sistemi di protezione sociale.

Il potenziale rapporto di sostegno, che confronta il numero di persone in età lavorativa con quelle di età superiore ai 65 anni, sta cadendo in tutto il mondo. In Giappone questo rapporto è 1,8, il più basso al mondo. Altri 29 paesi, principalmente in Europa e nei Caraibi, hanno già potenziali rapporti di sostegno inferiori a tre. Entro il 2050, si prevede che 48 paesi, principalmente in Europa, Nord America e Asia orientale e sud-orientale, abbiano un potenziale rapporto di sostegno inferiore a due. Questi valori bassi sottolineano il potenziale impatto dell'invecchiamento della popolazione sul mercato del lavoro e delle prestazioni economiche, e le pressioni fiscali che molti paesi dovranno affrontare nei prossimi decenni nel tentativo di costruire e mantenere sistemi pubblici di assistenza sanitaria, pensioni e protezione sociale per le persone anziane.

Non solo l’Italia, ma un numero crescente di paesi sta registrando una riduzione della dimensione della popolazione.

Dal 2010, 27 paesi o aree hanno registrato una riduzione dell'uno per cento o più delle dimensioni della loro popolazione. Questo calo è causato da bassi livelli di fertilità. L'impatto della bassa fertilità sulla dimensione della popolazione è rafforzato in alcune località da alti tassi di emigrazione. Tra il 2019 e il 2050, si prevede che le popolazioni diminuiranno dell'uno per cento o più in 55 paesi o aree, di cui il 26 potrebbe vedere una riduzione di almeno il dieci per cento. In Cina, ad esempio, si prevede che la popolazione diminuirà di 31,4 milioni, pari a circa il 2,2%, tra il 2019 e il 2050.

La migrazione è diventata una componente importante del cambiamento di popolazione in alcuni paesi: tra il 2010 e il 2020, quattordici paesi o aree vedranno un afflusso netto di oltre un milione di migranti, mentre dieci paesi vedranno un deflusso netto. 

Alcuni dei maggiori deflussi migratori sono determinatidalla domanda di lavoratori migranti (Bangladesh, Nepal e Filippine) o da violenza, insicurezza e conflitti armati (Myanmar, Siria e Venezuela).

Bielorussia, Estonia, Germania, Ungheria, Italia, Giappone, Federazione Russa, Serbia e Ucraina subiranno un afflusso netto di migranti nel corso del decennio, contribuendo a compensare le perdite di popolazione causate da un eccesso di morti sulle nascite.

01 ottobre 2019
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy