Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 07 LUGLIO 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Covid. “Senza il camice bianco siamo solo persone…”. Anche la musica in campo

di Lorenzo Proia

Giulia Molino, ventenne della Campania, ha portato in versi Medici, Infermieri e Professionisti della Sanità, con le loro sofferenze ma anche la grinta nascosta sotto il “camice bianco”; persone, prima che operatori: sentimenti che si mescolano ai doveri ineluttabili di un ruolo severo. Molti sono stati i cantanti (da Vicario, a J Ax, ad Elisa) che hanno dato un contributo nazional-popolare per la vittoria su un nemico invisibile

03 GIU - Sin dal principio dell’emergenza Covid-19 finestre, balconi, terrazzi e giardini delle case italiane hanno propagato musiche e canzoni, fossero state di natura patriottica, poetica o anche solo ritmica, dai cittadini sono state viste come una spinta alla resilienza, se non addirittura al riscatto di una popolazione che sempre ha trovato nel canto il proprio comun denominatore antropologico.

Molti sono stati i cantautori (ma soprattutto le cantautrici) che hanno voluto tramutare in versi e in note i sentimenti d’Italia. Le musiche del Sanremo scorso, ad esempio, sono risuonate forti non meno del Canto degli Italiani di Mameli, penetrando in profondità dentro quel “DNA storico-mediatico” che fa i “sogni” di una Nazione.

Una ragazza, classe 1999, Giulia Molino, ha scritto e interpretato a maggio un singolo inedito che è già un cult: Camice Bianco. “C’è chi trascorre le proprie giornate fra le mura di un ospedale, sperando di sopravvivere. Altri vorrebbero riabbracciare le persone che amano. E poi ci sono loro: Medici, Infermieri, volontari, che ogni santo giorno dedicano la propria esistenza al prossimo. Dimentichiamo che dietro quelle mascherine, dietro quegli sguardi, ci sono anzitutto delle persone. Questo è un brano che ho scritto di getto, pensando a tutto ciò che ci accade intorno”, ha affermato questa giovane cantautrice di Scafati, in provincia di Salerno.


Persone, prima di ogni cosa. Umanità, innanzitutto. Ed eroi sì, ma in quanto donne e uomini fatti di slanci come di angosce: “Sono quasi dieci ore che mi reggo in piedi, / girando tra barelle e corridoi pieni”. E ancora: “Ho il viso dilaniato di chi avverte l’impotenza / e piango di nascosto ma non è una debolezza / la sera torno a casa e tolgo il mio mantello bianco”.

Altri, come la cantautrice Margherita Vicario (Pincio) hanno voluto dare forza ai giovani in quarantena, oppure hanno donato ottimismo, come Elisa con Andrà tutto bene (featuring Tommaso Paradiso), il ‘mantra’ ormai noto di mamme e bambini. Infine, il rapper J Ax, con Una voglia assurda, ha esorcizzato tematiche quali il distanziamento e le separazioni, forse provando a non far deragliare gli italiani verso la fobia sociale.

03 giugno 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy