Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 02 FEBBRAIO 2023
Cronache
segui quotidianosanita.it

Roccella: su coma e coscienza giuste le cautele


“Le scoperte illustrate dalla Conferenza internazionale su coma e coscienza dimostrano ancora una volta come la scienza sostenga il nostro approccio alla materia, caratterizzato dalla cautela”. Così il sottosegretario Roccella commentando i risultati emersi da Salerno, dove si sono svolti i lavori. No a definizione di “Stato vegetativo persistente” si a “Sindrome della veglia arelazionale”,

08 LUG -  "Le scoperte illustrate in questi giorni a Salerno alla terza Conferenza internazionale su Coma e Coscienza sono di estremo interesse perché ci dimostrano ancora una volta come la scienza sostenga il nostro approccio alla materia, caratterizzato dalla cautela. Innanzitutto, la Task force europea presente a Salerno ha annunciato che chiederà alla comunità scientifica internazionale di cambiare la definizione del 1994 di “Stato vegetativo persistente” in “Sindrome della veglia arelazionale”, proprio per l’uso errato che si è fatto dell’espressione “Stato vegetativo” assimilando le persone in questa condizione a vegetali.
 
I maggiori esperti internazionali, inoltre, hanno spiegato che fra le poche certezze che abbiamo in questo settore, ottenute con metodi diagnostici all’avanguardia, c’è quella che in diversi casi permanga la percezione del mondo esterno e che questa sia una condizione di gravissima disabilità del sistema cognitivo di cui non è possibile valutare il grado. Questo dimostra come il principio di precauzione, quando si parla di coma e stati vegetativi, sia l’approccio più aderente al metodo scientifico. La scienza infatti non ha certezze assolute ma acquisizioni conoscitive ormai molto rapide che possono sempre smentire quelle precedenti, quindi quando si tratta della vita, della morte, della capacità di coscienza e della sofferenza è necessario adottare la massima prudenza.
 
Credo che il lavoro degli esperti riuniti a Salerno sia molto prezioso non soltanto dal punto di vista scientifico, ma anche e soprattutto perché offre un contributo al dibattito pubblico su temi sensibili. Apprezzo molto quanto fin qui svolto dagli specialisti e aspetto con interesse lo sviluppo delle loro ricerche”.

08 luglio 2010
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy