Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 28 SETTEMBRE 2020
Cronache
segui quotidianosanita.it

Covid. Approvata risoluzione Onu su misure per superare la pandemia. Proteste di Usa e Israele su emendamento di Cuba


Intensificare la cooperazione e la solidarietà internazionale per contenere, mitigare e superare la pandemia e le sue conseguenze. Consentire a tutti i paesi di avere un accesso tempestivo senza ostacoli a diagnosi, terapie, medicinali e vaccini di qualità, sicuri, efficaci e convenienti, nonché attrezzature per la risposta Covid-19. Queste alcune delle misure inserite nella risoluzione approvata. L'emendamento cubano oggetto di proteste esortava i Paesi a opporsi a qualsiasi sanzione unilaterale economica, finanziaria o commerciale. 

14 SET - L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato in modo schiacciante, lo scorso venerdì, una risoluzione di ampio respiro in tema di coronavirus, nonostante le obiezioni avanzate da Stati Uniti ed Israele, che protestavano contro un emendamento cubano dell'ultimo minuto con il quale si esortava i Paesi a opporsi a qualsiasi sanzione unilaterale economica, finanziaria o commerciale.
 
La risoluzione, che non è giuridicamente vincolante, è la terza e più ampia adottata dall'Assemblea generale. Una prima risoluzione adottata il 2 aprile scorso aveva riconosciuto "gli effetti senza precedenti" della pandemia e chiesto "una cooperazione internazionale intensificata per contenere, mitigare e sconfiggere" il nuovo coronavirus. Mentre una risoluzione sponsorizzata dal Messico approvata il 20 aprile sollecitava un'azione globale per aumentare rapidamente lo sviluppo, la produzione e l'accesso a farmaci, vaccini e attrezzature mediche per affrontare la pandemia.
 
Nella risoluzione di venerdì, l'Assemblea generale afferma che la pandemia pone "una delle più grandi sfide globali nella storia delle Nazioni Unite" e chiede "un'intensificazione della cooperazione internazionale e della solidarietà per contenere, mitigare e superare la pandemia e le sue conseguenze". La risoluzione esorta inoltre gli Stati membri delle Nazioni Unite a "consentire a tutti i paesi di avere un accesso tempestivo senza ostacoli a diagnosi, terapie, medicinali e vaccini di qualità, sicuri, efficaci e convenienti, nonché attrezzature per la risposta Covid-19". E riconosce, "il ruolo dell'immunizzazione estesa contro Covid-19 come bene pubblico globale per la salute nel prevenire, contenere e fermare la trasmissione al fine di porre fine alla pandemia, una volta che i vaccini sicuri, di qualità, efficaci, accessibili e convenienti siano disponibili."

 
L'ambasciatore afghano Adela Raz, che ha coordinato la stesura della risoluzione con l'inviato croato Ivan Simonovic, ha detto all'assemblea che la risoluzione non è solo una risposta alla malattia "ma un tributo alle vittime", osservando come più di 900.000 persone nel mondo sono morte e oltre 25 milioni sono stati infettati.
 
La risoluzione invita tutti i paesi "e altre parti interessate pertinenti ad avanzare, con determinazione, azioni coraggiose e concertate per affrontare gli impatti sociali ed economici immediati della pandemia Covid-19, mentre si sforzano di tornare sulla buona strada" per raggiungere gli obiettivi del 2030.
 
Invita i governi e le istituzioni finanziarie internazionali "a fornire più liquidità al sistema finanziario, specialmente in tutti i paesi in via di sviluppo". Supporta piani di ripresa che "guidano il cambiamento trasformativo verso società più inclusive e giuste, anche responsabilizzando e coinvolgendo tutte le donne e le ragazze".
 
E sollecita i paesi membri delle Nazioni Unite "ad adottare un approccio sensibile al clima e all'ambiente per gli sforzi di recupero di Covid-19", anche allineando gli investimenti e le politiche interne con gli obiettivi delle Nazioni Unite e l'accordo di Parigi del 2015 per combattere il cambiamento climatico.
 
Come dicevamo inizialmente,'assemblea ha emendato la risoluzione per esortare tutti i paesi "ad astenersi dal promulgare e applicare qualsiasi misura economica, finanziaria o commerciale unilaterale non conforme al diritto internazionale e alla Carta delle Nazioni Unite che impedisce il pieno raggiungimento di sviluppo economico e sociale, in particolare nei paesi in via di sviluppo ".
 
 
Gli Stati Uniti hanno poi accusato l'agenzia delle Nazioni Unite di non aver fatto abbastanza per impedire la diffusione del virus quando è emerso per la prima volta in Cina. Ed hanno accusato la Cina di aver nascosto la verità sull'epidemia al mondo nei primi giorni, scelta che "ha messo in pericolo tutti noi e ha causato inutili sofferenze e morte aggiuntive".
 
Il diplomatico cinese Xing Jisheng ha risposto, alludendo alla recente rivelazione secondo cui il presidente Donald Trump "ha riconosciuto il pericolo del virus in una fase molto precoce, ma ha deliberatamente minimizzato per evitare il panico". Ha chiesto: "Chi nasconde la verità?"
 
Xing ha inoltre chiesto come mai gli Stati Uniti, con il sistema medico più avanzato al mondo, abbiano il maggior numero di casi di Covid-19. "Se gli Stati Uniti sono seriamente intenzionati a combattere la pandemia, dovrebbero concentrarsi sulla protezione della vita e della salute della loro gente, invece di concentrarsi unicamente sull'attribuzione di colpe", ha detto.

14 settembre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy