Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 30 NOVEMBRE 2022
Cronache
segui quotidianosanita.it

Negli Usa il Covid non ferma il Giorno del Ringraziamento. Milioni di americani in viaggio

di Grazia Labate

"I numeri sono ancora meno della metà di quelli dei viaggiatori che hanno volato lo scorso anno con compagnie aeree commerciali il fine settimana prima del Ringraziamento, ma i dati di quest'anno dicono che gli aeroporti sono più affollati e gli aerei più pieni di quanto non siano mai stati dall'inizio della pandemia", riferisce il New York Times. E a chi viaggia in aereo si aggiungono altri milioni di americani che si sposteranno in auto. Tra 2 settimane sapremo gli effetti di tutto questo

25 NOV - Durante il fine settimana, gli americani hanno invaso gli aeroporti, nonostante le raccomandazioni del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) di rimanere a casa per il Giorno del Ringraziamento che cade domani 26 novembre. E a questi vanno aggiunti i milioni di americani che si sono spostati e si sposteranno in auto per celebrare quella che resta una delle festività più sentite negli Usa.
 
Già domenica scorsa, più di 1,04 milioni di persone avevano varcato i controlli di sicurezza, il massimo di affluenza da metà marzo: "I numeri sono ancora meno della metà di quelli dei viaggiatori che hanno volato lo scorso anno con compagnie aeree commerciali il fine settimana prima del Ringraziamento, ma i dati di quest'anno dicono che gli aeroporti sono più affollati e gli aerei più pieni di quanto non siano mai stati dall'inizio della pandemia", riferisce il New York Times. Tra 2 settimane sapremo gli effetti della mobilità per il giorno del Ringraziamento.
 
Ma la domanda in America e nel mondo è: quando un vaccino COVID-19 diventerà disponibile?
E’ probabile che quattro gruppi ottengano un accesso prioritario, secondo il Comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione (ACIP), che ha già fornito una guida al CDC in cui sono previste le priorità: operatori sanitari, altri lavoratori essenziali, adulti con cure mediche ad alto rischio, adulti di età pari o superiore a 65 anni (compresi i residenti di strutture di assistenza a lungo termine).
 
L'organismo ha delineato i suoi principi etici per l'allocazione delle scorte di vaccino iniziali nel Rapporto settimanale sulla morbilità e la mortalità .
 
L'ACIP si è riunito lunedì scorso e ha chiarito che anche le persone appartenenti a minoranze razziali / etniche avrebbero avuto la priorità in riconoscimento del maggiore impatto che la pandemia sta avendo su queste comunità.
 
La FDA ha anche annunciato che convocherà una riunione del suo comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati il 10 dicembre per considerare la richiesta di Pfizer e BioNTech per un EUA per il suo candidato vaccino COVID-19. Il vaccino è efficace al 95%, secondo i risultati recentemente pubblicati di uno studio di fase III.
 
Nel frattempo la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha rilasciato un'autorizzazione all'uso di emergenza per il cocktail di anticorpi di Regeneron, composto da casirivimab e imdevimab, per i pazienti di età pari o superiore a 12 anni che hanno COVID-19 da lieve a moderato e sono a rischio di progressione della malattia grave. La combinazione ha dimostrato di ridurre l'ospedalizzazione o le visite al pronto soccorso correlate a COVID-19 nei pazienti ad alto rischio di progressione della malattia entro 28 giorni dal trattamento. Questo è uno dei trattamenti ricevuti dal presidente Donald Trump quando è stato ricoverato in ospedale per COVID-19 a ottobre.
 
Una sperimentazione clinica chiamata ANTICOV sarà condotta in 19 siti in 13 paesi africani per identificare terapie che possono essere utilizzate per trattare casi lievi e moderati di COVID-19 e "prevenire picchi di ricoveri che potrebbero sopraffare i sistemi sanitari fragili e già sovraccarichi in Africa, "Secondo la Drugs for Neglected Diseases Initiative (DNDi), che sta coordinando lo sforzo. La sperimentazione inizierà studiando la combinazione antiretrovirale HIV lopinavir/ritonavir.
 
Domenica, AstraZeneca ha annunciato che il suo candidato vaccino sviluppato con l'Università di Oxford ha avuto un'efficacia media del 70% secondo un'analisi ad interim di studi clinici nel Regno Unito e in Brasile. Non ci sono stati ricoveri o casi gravi di COVID-19 nei partecipanti che hanno ricevuto il vaccino, e nessun evento serio sulla sicurezza correlato al vaccino, ha detto la società in un comunicato stampa.
 
Inoltre ci sono due nuovi documenti relativi a COVID-19 in Morbidity and Mortality Weekly Report. Uno tiene traccia dei casi in Minnesota legati allo Sturgis Motorcycle Rally di 10 giorni svoltosi ad agosto nel vicino South Dakota, che include 51 casi tra i residenti del Minnesota che hanno partecipato all'evento e 35 tra contatti domestici, sociali e lavorativi. L'altro mostra che dopo che il governatore del Kansas ha emesso un mandato di maschera in tutto lo stato a luglio, l'incidenza di COVID-19 è diminuita nelle contee che hanno aderito e ha continuato ad aumentare nelle contee che non lo hanno fatto.
 
Dagli studi osservazionali viene fuori che più di un quarto degli adulti di età pari o superiore a 65 anni che si presentano al pronto soccorso con COVID-19 soffre di delirio, secondo uno studio del JAMA Network Open, rendendolo il sesto sintomo o segno più comune. Di quelli con delirio, che era associato a una degenza in terapia intensiva e al decesso, il 37% non aveva nessuno dei tipici sintomi del COVID-19, come tosse e febbre. In un punto di vista JAMA, i ricercatori esaminano le prove "che suggeriscono che, contrariamente alle aspettative, gli anziani come gruppo possono essere più resistenti all'ansia, alla depressione e ai disturbi di salute mentale legati allo stress caratteristici delle popolazioni più giovani durante la fase iniziale del COVID-19 pandemia".
 
Il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti ha stanziato altri 45 milioni di dollari per espandere la rete di ricerca del programma RADx-UP (Rapid Acceleration of Diagnostics Undererved Populations), "che mira a consentire e migliorare i test COVID-19 su popolazioni colpite in modo sproporzionato dalla malattia, inclusi afroamericani, indiani americani/nativi dell'Alaska, latini/latini, nativi hawaiani, adulti più anziani, donne incinte e coloro che sono senzatetto o incarcerati".
 
Insomma scienza e ricerche vanno avanti con grande celerità ed in attesa che le agenzie regolatorie si esprimano sui diversi vaccini candidati, occorre mantenere calma, razionalità ed evitare di cadere nelle trappole delle inutili discussioni sulle feste natalizie o sulle vacanze sulla neve, perché la lezione delle vacanze di agosto, ci ha già dimostrato e richiesto grandi sacrifici per la seconda ondata che è ancora in atto, anche se con diversi risultati in Europa e oltre oceano. Nessuno tantomeno noi ci possiamo permettere di correre il rischio di una terza ondata; sarebbe una catastrofe sanitaria e sociale di immani proporzioni. Tra due settimane sapremo cosa avrà prodotto Thanksgiving negli Usa, se non si rispetterà l’appello accorato del CDC:
 
“Resta a casa per il Ringraziamento”. La raccomandazione fatta ieri dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) anche perchè più di 1 milione di casi di COVID-19 sono stati segnalati negli Stati Uniti negli ultimi 7 giorni.
 
Poiché i casi continuano ad aumentare rapidamente, il modo più sicuro per celebrare domani il Ringraziamento è festeggiare a casa con le persone con cui si vive e che si ama, senza inutili spostamenti. Noi aspettiamo la data del 3 dicembre, ma non saranno i colori regionali gli eventi salvifici, sarà il nostro senso di responsabilità ed il rispetto che dobbiamo ai circa 50.000 morti da inizio pandemia a guidarci per fare un Natale sobrio in famiglia ed evitare spostamenti sulla neve o veglioni, che data la stagione invernale sono ghiotte occasioni per Sars cov 2 per riprendere la folle corsa al contagio. Vogliamoci bene, stiamo a casa, anche se in pochi intimi, a cantare “Tu scendi dalle stelle” o “Jingle bells”.
 
Grazia Labate
Ricercatrice in economia sanitaria già sottosegretaria alla sanità
 
 

 

25 novembre 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy