Quotidiano on line
di informazione sanitaria
28 AGOSTO 2016
Cronache
segui quotidianosanita.it

Obesità ereditarie. Avviata una task force nazionale, terapie anche in regime residenziale

L’iniziativa è stata intrapresa dall’Istituto di Genetica Magi che ha creato un network di specialisti e organizzato una Rsa sperimentale per offrire ai pazienti una presa in carico complessa. Si tratta di malattie rare che costringono i bimbi ad un obesità che li accompagnerà per l'intera vita.

20 GIU - Fin dai primi anni di vita manifestano grande appetito e crescita eccessiva e in poco tempo diventano dei ‘piccoli grandi obesi’: una condizione che li accompagnerà per tutta la vita. La loro obesità resiste alle diete più estenuanti e alla chirurgia bariatrica. La chiave del problema è nei geni: si tratta, infatti, di malattie rare che possono riassumersi nelle cosiddette ‘obesità genetiche ereditarie non sindromiche’. Di queste patologie si è parlato questa mattina alla Camera dei Deputati in un incontro organizzato dall’Istituto di Genetica non profit Magi che ha uno dei pochi laboratori in Italia capaci di diagnosticare queste malattie (deficit di Melacortina 4, deficit congenito di leptina e deficit dei recettori della leptina).
    
Magi ha recentemente avviato una serie di collaborazioni con il mondo scientifico per creare in Italia un network di specialisti che sia in grado di affrontarle. “Fare i test diagnostici è stato il primo passo - ha spiegato Matteo Bertelli, fondatore dell’istituto Magi - perché i laboratori esistenti non potevano rispondere a tutte le esigenze. La diagnosi certa è sempre più indispensabile ora che l’approccio alle cure passa per la farmacogenomica. Ci siamo poi resi conto, facendo il test - ha proseguito - dei pochi servizi che questi pazienti hanno e così abbiamo deciso di mettere in rete gli  specialisti che se ne occupano cioè pochissimi”.      


“Le cause dell’obesità possono essere tante - ha affermato Giuseppe Pompucci del Dipartimento di biologia molecolare dell’Università di Siena - uno stile di vita errato, un disturbo della tiroide o una malattia genetica. Nel caso delle obesità genetiche sappiamo che dieta e movimento non bastano. Se siamo di fronte ad un deficit di leptina dovremo introdurla, oggi la molecola è ancora sperimentale ma facilmente accessibile. Possiamo anche valutare la chirurgia bariatrica - ha concluso - ma se la causa è genetica e non si segue dopo una specifica terapia c’è il rischio di riprendere tutto il peso”.
    
Serve dunque una maggiore attenzione alla diagnosi per affrontare al meglio la malattia, ma anche strutture in grado di offrire ai pazienti una presa in carico complessa. Un posto dove possa esserci confronto tra gli specialisti, incontri tra i pazienti, e dove fare anche i trial. Una ‘casa per le obesità genetiche’ è proprio quello che sta creando Magi nella Residenza Sanitaria Sperimentale di San Felice del Benaco (Brescia), un albergo privato che è stato donato all’Istituto e che dovrebbe essere operativo, nella nuova destinazione, in tempi brevi. Qui verranno ospitate delle vere e proprie task force per gruppi omogenei di patologie.  

“Ci saranno dei periodi - ha spiegato ancora Bertelli - in cui avremo i maggiori esperti della patologia e i bimbi che saranno nella residenza potranno avere la migliore riabilitazione e le più moderne terapie, anche sperimentali”. Tutto questo è possibile grazie ad una rete di solide alleanze sviluppate nel corso degli anni. Di particolare rilievo per quanto riguarda le terapie e la riabilitazione delle obesità genetiche sono le collaborazioni con l’Ospedale San Giovanni Battista di Roma, con l’Unità Dama dell’Ospedale San Paolo di Milano e con la Fondazione Mimmo Castorina per la disabilità grave, oltre che con singoli specialisti.    

“Al San Giovanni Battista - ha spiegato Sandro Michelini, Direttore U.O. riabilitazione malattie rare del sistema vascolare e linfatico - lavoriamo da tempo con Magi sul linfedema, una malattia che colpisce anche i grandi obesi, e abbiamo apprezzato molto la volontà di dedicarsi a questo tema. Oggi questi pazienti hanno difficoltà a trovare assistenza e avere una residenza sanitaria è un’esigenza reale.

Sono pazienti che convivono con il dolore provocato dall’incredibile sviluppo dei tessuti molli o dallo sfregamento meccanico della pelle quando devono muoversi, possono avere problemi circolatori e di respirazione, le diete falliscono e la depressione è sempre in agguato, hanno bisogno di un approccio globale. Con il caldo poi tutto peggiora.     

“Ben vengano iniziative come questa - ha detto Angelo Mantovani, coordinatore scientifico dell’Unità Dama dell’Ospedale San Paolo di Milano e tra i fondatore della Fondazione Mimmo Castorina  - i pazienti di cui ci occupiamo noi e Magi sono diversi e direi complementari. Ciò che ci unisce - ha concluso - è il cercare un diverso approccio alla persona, il coinvolgimento della famiglia, e il voler guardare in un modo più globale alla disabilità”.      
 

20 giugno 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Luciano Fassari
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 02.28.17.26.15
(numero unico nazionale)
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy