Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 19 NOVEMBRE 2019
Cronache
segui quotidianosanita.it

Contraccezione. Regno Unito e Fondazione Gates raccolgono 2,6 mld di dollari per i paesi poveri

L’annuncio è stato dato ieri nel corso di un vertice a Londra che ha chiamato a raccolta 250 delegati provenienti da 25 paesi, ONG e Organismi internazionali. Critiche alla posizione della Chiesa. Melinda Gates:" Da cattolica non comprendo la sua posizione. Al primo posto c'è la sopravvivenza delle donne". 

13 LUG - Secondo gli organizzatori, sono più di 200 milioni nel mondo le donne che vogliono la contraccezione ma non vi hanno accesso. E l’obiettivo del vertice di Londra è quello di fornire entro il 2020 l'accesso alla contraccezione a 120 milioni di donne, un investimento da circa 4,5 miliardi dollari in otto anni, di cui  2 miliardi dai paesi poveri e 2,3 miliardi da paesi donatori.
Proprio pochi giorni fa uno studio su Lancet, sottolineava tra l'altro come la contraccezione salva ogni anno la vita di 250 mila donne nel mondo e potrebbe salvarne 100 mila in più se fosse accessibile a tutte le donne.
 
“Abbiamo superato il nostro obiettivo”, ha detto il ministro britannico responsabile per gli aiuti Sviluppo Andrew Mitchell, durante la conferenza stampa dopo il summit. Gli impegni dei paesi donatori e organizzazioni internazionali hanno raggiunto 2,6 miliardi di dollari invece dei previsti 2,3 miliardi, grazie al raddoppio degli aiuti provenienti da diversi paesi (Australia, Corea, Norvegia,UK), da organizzazioni internazionali, società e fondazioni.Andrew Mitchell ha poi anche promesso di istituire un gruppo di lavoro per monitorare l'assegnazione dei fondi.


Melinda Gates, la cui fondazione fornirà 560 milioni dollari in 8 anni, ha rifiutato durante l’evento di entrare nel dibattito sull'aborto sollevato da diverse associazioni, tra cui quelle religiose ma ha sottolineato che in “questi ultimi 30 anni, non siamo riusciti a risolvere il problema a causa della controversia. Il problema è come far avanzare ciò che non è controverso: mettiamo a disposizione un accesso alla contraccezione, e questo è il modo migliore per prevenire aborti”. Ma la stessa Gates, che è cattolica, in un’intervista prima del summit, al quotidiano Indipendent aveva duramente attaccato la chiesa sull’aborto. “Come cattolica credo in questa religione, ci sono cose meravigliose in questa fede, meravigliosi insegnamenti morali in cui credo, ma ho anche valutato le modalità per garantire la sopravvivenza delle donne. Io credo nella necessità di non far morire le donne, credo nella necessità di non far morire i bambini, e per me questo è più importante di ogni discorso su quale metodo di contraccezione usare”.
 
Circa 75 milioni di gravidanze indesiderate si verificano ogni anno, alcune gravidanze presto, troppo vicino, che mettono in pericolo la vita della madre e del bambino. Pianificazione familiare - Informazione, la contraccezione, la salute - impedirebbe 100.000 morti nelle donne ogni anno durante e dopo il parto. E 'la principale causa di morte tra i giovani di 15-19 anni in paesi poveri, secondo Save the Children.

13 luglio 2012
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy