Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 23 AGOSTO 2019
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

Emilia Romagna. Cesena. Al via i progetti di educazione alla salute per le scuole di ogni ordine e grado

La strategia proposta si pone nell’ottica di creare scuole che promuovono salute con azioni che modificano il contesto scolastico e con metodi attivi di apprendimento che stimolano il ruolo attivo di ciascun studente nel costruire il proprio percorso di salute e benessere. Lo scorso anno è stato raccolto il 73% dei questionari compilati dagli insegnanti: è emerso un voto medio per l’interesse di 8,6 e per l’utilità del progetto per la loro classe di 8,9 su 10.

21 SET - Prevenzione delle dipendenze, educazione nutrizionale, affettiva e sessuale, ambientale. E ancora, promozione della lettura precoce ad alta voce, sani stili vita, prevenzione degli ustioni e sicurezza in auto. Sono questi alcuni degli argomenti guida dei progetti di educazione alla salute che l’Ufficio Educazione alla Salute dell’Ausl propone quest’anno alle scuole cesenati di ogni ordine e grado.

Alcuni comportamenti a rischio come il consumo di alcol e l’abitudine al fumo sono ancora piuttosto diffusi in adolescenza con un primo approccio che avviene in età sempre più precoce. Dall’ ultimo Rapporto internazionale sui Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare emerge che, in Emilia Romagna, l’iniziazione al fumo con consumi saltuari avviene nei ragazzi di 13 anni. Il consumo più frequente di sigarette (1-5 sigarette/die, 6 o più sigarette/die) riguarda il 12% dei ragazzi di 15 anni. Questi dati confermano quanto già conosciuto e sottolineano la necessità di effettuare interventi info-educativi ancora più precoci, nelle fasce 6-13 anni, per rafforzare la capacità dei giovani di fare scelte libere e consapevoli. Anche il consumo di alcol con una certa frequenza (ogni giorno, ogni settimana, ogni mese) tende a crescere con l’età e riguarda l’8% degli 11enni, il 17% dei 13enni e il 46% dei 15enni.


I principali comportamenti salutari come la sana alimentazione e l’attività fisica regolare sono ancora poco diffusi, infatti solo 1 ragazzo su 3 di 11 anni ha l’abitudine di fare la colazione quotidianamente e questa cattiva abitudine tende a crescere con l’età (solo 1 su 2 a quindicianni).
Il catalogo Scuola e Salute, che ogni anno viene aggiornato, è il frutto dell’integrazione tra Azienda Sanitaria, Enti e Associazioni territoriali (Avis, Aido, Ior, Associazione Romagnola Ricerca Tumori, Associazione Volo Oltre Onlus) che hanno in comune l’obiettivo di promuovere una cultura della prevenzione e del benessere personale per contribuire a formare future generazioni responsabili della propria salute. Le proposte educative, differenziate per età dei destinatari e per argomento di salute, sono state elaborate per interagire con gli studenti mediante linguaggi diversi e metodologie appropriate alle varie fasce d’età e attivare processi di consapevolezza e sviluppo di competenze (life skills) per promuovere scelte di vita salutari.

La strategia proposta si pone nell’ottica di creare scuole che promuovono salute con azioni che modificano il contesto scolastico e con metodi attivi di apprendimento che stimolano il ruolo attivo di ciascun studente nel costruire il proprio percorso di salute e benessere. All’interno di questi percorsi il docente ha un ruolo fondamentale nel promuovere processi di crescita personali e di gruppo finalizzati allo sviluppo di competenze.
Lo scorso anno scolastico i progetti realizzati hanno coinvolto 343 classi, 378 insegnanti, 7651 studenti e 1406 genitori. I progetti sono stati condotti in classe da insegnanti e coordinati dalle varie équipe di progetto, alle quali hanno partecipato 72 operatori, 54 professionisti sanitari dell’Ausl e 18 esperti e volontari di Associazioni o Enti del territorio.

Dalla valutazione dei progetti svolta a fine anno è emerso un alto gradimento sia da parte degli insegnanti che dei ragazzi. È stato infatti raccolto il 73% dei questionari compilati dagli insegnanti che hanno partecipato ai vari progetti, dai quali è emerso un voto medio per l’interesse di 8,6 e per l’utilità del progetto per la loro classe di 8,9 su 10. Per quanto riguarda gli studenti, è stato raccolto il 69% dei questionari, dai quali è emerso un buon gradimento con valori medi per l’interesse di 8,2 e per l’utilità del progetto di 8,3 su 10.
 

21 settembre 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy