Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 21 OTTOBRE 2019
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

Emilia Romagna. Snami in stato di agitazione contro il “software unico regionale” e per condizioni lavoro medici dell’Emergenza sanitaria

Il sindacato punta il dito contro "la volontà di imporre il Software Unico Regionale in un contesto di stallo contrattuale e di estrema difficoltà nelle relazioni sindacali". A pesare sulla decisione anche l’inconciliabilità con le proposte regionali rispetto l’assetto organizzativo delle Case di cura e le "posizioni attendiste e lesive" per i professionisti operanti in tutti gli altri settori della Medicina Generale ed in particolare per l’Emergenza Sanitaria Territoriale.

05 LUG - Il Consiglio Regionale Snami Emilia Romagna, a seguito della riunione tenutasi a Bologna lo scorso 2 luglio, ha proclamato lo stato di agitazione Regionale dei Medici di Medicina Generale operanti nei settori dell’Assistenza Primaria, Continuità Assistenziale, Emergenza Sanitaria Territoriale e Medicina dei Servizi.
 
A pesare sulla decisione, le posizioni e l’atteggiamento della Regione Emilia Romagna rispetto "la volontà di imporre il Software Unico Regionale come strumento di lavoro dei Medici Convenzionati in un contesto di stallo contrattuale e di estrema difficoltà nelle Relazioni Sindacali tra la parte pubblica e le Organizzazioni Sindacali".
 
Ma i problemi non si esauriscono qua. Lo Snami ha infatti puntato il dito anche contro "l’inconciliabilità con le proposte regionali fino ad ora discusse rispetto l’assetto organizzativo delle Case della Salute”in cui prevale nel modello organizzativo e gestionale un approccio orientato alla procedurazione e protocollazione basato su logiche che mal si conciliano con la relazione fiduciaria con il paziente cronico e che in prospettiva minano la natura stessa della relazione fiduciaria di cura".

 
Inoltre, per il sindacato, "permangono, di fatto, posizioni attendiste e lesive per i professionisti operanti in tutti gli altri settori della Medicina Generale con particolare riferimento ai medici dell’Emergenza Sanitaria Territoriale e Medicina dei Servizi con particolare menzione per coloro che operano negli istituti penitenziari".
 

"Le Aziende Sanitarie - spiega lo Snami - troppo spesso disapplicano e distorcono tanto le norme di reclutamento del personale operante nei servizi di emergenza, quanto spesso di quello operante nella medicina dei servizi, attribuendo nei tavoli grandi responsabilità alla mancanza di chiare indicazioni regionali".
 
Al proclamato stato di agitazione hanno inoltre contribuito le segnalazioni, "oramai provenienti dai medici di tutte le Aziende Sanitarie, con particolare riferimento alle condizioni di lavoro dei Medici dell’Emergenza Sanitaria e a quelli della Continuità Assistenziale e Medicina dei Servizi spesso adibiti a compiti non previsti dai rispettivi accordi".

Infine, quanto all’AIR 2008 dell’Emergenza Sanitaria Territoriale, "risulta scaduto ed in proroga"; e Snami, "sigla maggiormente rappresentativa del settore, non risulta nemmeno firmatario in quanto si sono succeduti per due rinnovi di ACN cui nulla è seguito in tema di E.S.T".

05 luglio 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy