Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 24 MAGGIO 2017
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

Vaccini obbligatori. Liverani (Ln): “Si sarebbe dovuto puntare prima su di una massiccia campagna informativa”

Il consigliere regionale contesta il provvedimento approvato ieri. “Non si tiene nella giusta considerazione la questione dell’apertura indiscriminata a tutti, che ha portato nelle nostre scuole ragazzi che provengono da Paesi dove le prescrizioni sanitarie non sono le stesse che in Italia”. E sollecita azioni per prevenire i casi di violenza contro i bimbi, anche attraverso l’installazione di telecamere nelle strutture.

23 NOV - “Il nostro contributo è stato determinante, per sollevare il problema dello stress da lavoro correlato, nelle nuove direttive sui servizi educativi per la prima infanzia”. Questo è il primo commento del consigliere regionale della Lega Nord, Andrea Liverani, che ha espresso in Assemblea legislativa dell’Emilia Romagna le osservazioni del Carroccio al progetto di legge votato in Regione, ed anche le motivazioni dell’astensione del gruppo consigliare leghista al provvedimento.

“Le modifiche al testo iniziale – ha spiegato Liverani – denota la nostra collaborazione per migliorare il provvedimento. In particolare, per una valutazione e gestione del rischio, di fronte allo stress da lavoro correlato (si veda, la cosiddetta sindrome del “burn-out” che interessa molti operatori)”.

Andrea Liverani ha, inoltre, evidenziato la necessità di “una prevenzione della violenza nei confronti di soggetti fragili (come bambini o diversamente abili) portati all’evidenza dalle cronache degli ultimi anni. Con l’obbligatorietà delle telecamere nelle strutture, che chiediamo parallelamente ad un’iniziativa Parlamentare”.


Tuttavia, la Lega ha evidenziato il fatto che, “come unico elemento di novità, sia stato portato dalla maggioranza l’obbligatorietà delle vaccinazioni, per i bambini che si iscrivono al nido. Una regione come la Lombardia – sottolinea Liverani – si è mossa con anticipo e con lungimiranza: avreste dovuto puntare dall’inizio su di una massiccia campagna informativa, non programmarla dopo il voto dell’aula – ha detto il consigliere Ln -. Senza contare che non tenete nella giusta considerazione la questione dell’apertura indiscriminata a tutti. La quale ha portato nelle nostre scuole ragazzi che provengono da Paesi dove non esiste la prevenzione e dove le prescrizioni sanitarie non sono le stesse di quelle esistenti in Italia”.

23 novembre 2016
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Gennaro Barbieri (Regioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy