Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 LUGLIO 2019
Emilia Romagna
segui quotidianosanita.it

M5S: “Subito una rete oncologica regionale”

Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle, hanno presentato un’interrogazione per chiedere alla Regione di mettere a punto “un coordinamento ancora al palo” e aderire a quello nazionale: “Dove si applica i risultati sono molto incoraggianti”.

28 GIU - “La Regione metta a punto una rete oncologica regionale e aderisca al progetto Periplo nazionale che tende a unificare tutte quelle regionali”. È questa la richiesta di Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle, contenuta in un’interrogazione presentata in Regione.

“In Emilia-Romagna la creazione di una rete oncologica è ancora in una fase iniziale – spiegano i due consiglieri del M5S in una nota - Nelle Regioni dove invece si è realizzata i pazienti colpiti dal cancro guariscono di più rispetto al resto d’Italia. In particolare, in Toscana la sopravvivenza a cinque anni raggiunge il 56% fra gli uomini e il 65% tra le donne; in Veneto il 55% (uomini) e il 64% (donne) e in Piemonte, di fatto la rete più ‘antica’ visto che è attiva da quasi 20 anni, il 53% (uomini) e il 63% (donne). I vantaggi quindi sono ben visibili: i pazienti possono accedere alle cure migliori senza spostarsi dal proprio domicilio, con trattamenti uniformi sul territorio ed evidenti sinergie e meno sprechi di risorse per il sistema sanitario. Gli ospedali, inoltre, vengono utilizzati solo per le terapie più complesse, alleggerendo i dipartimenti, e le liste d’attesa possono essere ridotte fino al 50%”.


Obiettivi che, evidenziano i consiglieri, “sono stati rimarcati anche dal progetto Periplo nazionale a cui hanno già aderito 7 Regioni e che punta proprio sull’omogeneità, qualità dell’assistenza e delle cure grazie alle migliori possibilità di accesso e utilizzo di farmaci innovativi, sulla diminuzione delle migrazioni tra Regioni e Sud-Nord con la programmazione e la gestione dei flussi necessari, la diminuzione dei tempi nelle liste d’attesa, aumento della sopravvivenza e delle guarigioni e la gestione ottimizzata per i pazienti al confine tra le Regioni”.

“Quello che chiediamo alla Giunta è di seguire la metodologia dettata dal nuovo progetto che tende ad unificare le reti di assistenza oncologica regionale, uniformandosi così alle 7 Regioni che hanno già aderito alla prima fase del progetto ottenendo buoni risultati – concludono Bertani e Sensoli – Per questo serve anche definire al meglio la nostra rete oncologica regionale ed i relativi PDTA, cioè i percorsi diagnostico terapeutici assistenziali, con particolare attenzione anche all’AUSL Romagna”.

28 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Emilia Romagna

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy