Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 20 OTTOBRE 2017
      
      Federsanità
segui quotidianosanita.it

ADHD. Benessere mentale e inclusione sociale al primo posto nei progetti Asl Roma 4

Il progetto è stato finanziato dalla Presidenza del Consiglio regionale del Lazio, con il contributo della Asl Roma 4 con lo scopo di aiutare le famiglie nella gestione sia di casi complessi da un punto di vista clinico, sia di casi con valenza sociale e di promuovere il benessere mentale nei soggetti che vi partecipano.

02 OTT - Presentati i risultati di ‘‘Promuovere il benessere mentale nei bambini, adolescenti e giovani, con disturbi evolutivi globali, disturbi neuro comportamentali (Adhd) e svantaggio culturale e - o cognitivo’’. Il progetto è stato finanziato dalla Presidenza del Consiglio regionale del Lazio, con il contributo della Asl Roma 4 con lo scopo di aiutare le famiglie nella gestione sia di casi complessi da un punto di vista clinico, sia di casi con valenza sociale e di promuovere il benessere mentale nei soggetti che vi partecipano. ‘‘Veleggiare insieme’’, ‘‘Nettuno’’, ‘‘Inclusione lavorativa’’, ‘‘Il mio amico asino’’ e ‘‘Adhd: questo sconosciuto’’.
 
Un insieme di percorsi all’avanguardia che puntano all’inclusione sociale ed al fornire un progetto ai ragazzi. Il progetto è stato firmato da Marcella Deiana, responsabile settore prevenzione età evolutiva del Tsmree di Civitavecchia, Maddalena Olivieri e Maurizio Munelli, direttore dell’osservatorio autismo cittadino. "Quest’anno - ha spiegato il direttore generale della Asl Roma 4 Giuseppe Quintavalle - l’azione è stata diversificata con attività che si vanno a legare al bisogno principale dei piccoli per lo sviluppo cognitivo e comportamentale".
 
Una collaborazione tra azienda sanitaria, associazioni e scuole che ha consentito di creare una sinergia tutta a favore dei bambini, adolescenti, ragazzi o giovani che hanno preso parte ai percorsi. Miglioramenti dell’attività cognitiva, motoria, scolastica e di socializzazione. Quintavalle ha sottolineato i due punti su cui l’Asl si sta concentrando, ovvero l’approccio alle cure e la revisione delle norme sul "dopo di noi - ha detto - per dare logicità ad un continuum che vede i nostri bambini crescere dando maggiori garanzie alle famiglie, in modo che non si vada a pensare 'cosa ne sarà dopo?’. La nostra garanzia come Asl - ha promesso - è che faremo sempre i possibile per fare di più. Queste attività sono un progetto di vita".
 
Carmela Matera, direttrice sanitaria Asl Roma 4, ha evidenziato la volontà dell’azienda di venire incontro al territorio: "È quel qualcosa in più che ci caratterizza. Il nostro intento è quello di destinare fondi aziendali ad individuare associazioni esperte per affidare a loro la gestione dei nostri pazienti, in modo da avere pacchetti e prestazioni di qualità da offrire". Sicuramente un progetto ambizioso che andrebbe però a confermare quella strategia di ‘‘umanizzazione’’ delle cure su cui l’azienda sta puntando.
 
"Sono molto felice di aver collaborato e incontrato tante famiglie e ragazzi - ha spiegato Munelli - queste attività sono facilitanti di un miglioramento che permettere l’inclusione sociale. Inoltre - ha continuato - l’inclusione lavorativa è un’esperienza quasi unica in Italia. I ragazzi hanno potuto misurarsi con la realtà lavorativa. La Asl ha dei ragazzi pronti per lavorare. Credo - ha concluso - che una società solidale debba prevedere un percorso di miglioramento".
 
Presenti anche due dei ragazzi che hanno preso parte ad alcuni dei progetti. "Mi sono divertito molto - ha detto Emanuele che ha partecipato a 'Veleggiare insieme' - lo skipper ci ha insegnato molte cose». La scuola Calamatta ha messo a disposizione i laboratori del nautico per permettere a questi ragazzi di continuare questa esperienza anche con il maltempo. Anche Francesco è intervenuto spiegando di essere «Perfettamente inserito nel mondo del lavoro. È stata un’esperienza straordinaria». Una mamma ha evidenziato come le attività «abbiano cambiato i miei figli che hanno finalmente trovato un equilibrio".
 
Importante anche il ‘‘parental training’’ che ha permesso di preparare i genitori ad ogni evenienza. Presenti anche alcuni rappresentati del mondo scolastico o associativo che hanno parlato della loro esperienza, come un’insegnante di inglese che ha raccontato di come il corso sull’Adhd sia andato a tappare una ‘‘falla’’ nella preparazione dei docenti.  La Asl Roma 4 conferma quindi il suo impegno per la prevenzione ed il benessere mentale dei suoi utenti.

Fonte: La Provincia

02 ottobre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Sicurezza delle cure

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

In redazione
Lucia Conti
Ester Maragò
Giovanni Rodriquez

Collaboratori
Eva Antoniotti (Ordini e professioni)
Ivan Cavicchi (Editorialista)
Fabrizio Gianfrate (Editorialista)
Ettore Mautone (Campania)
Maria Rita Montebelli (Scienza)
Claudio Risso (Piemonte)
Edoardo Stucchi (Lombardia)
Vincino (Vignette)

Contatti
info@qsedizioni.it


Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy