Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 24 NOVEMBRE 2017
      
      Federsanità
segui quotidianosanita.it

Ecco “Sanità 4.0”, la nuova rivista trimestrale del Forum dei Direttori generale

La nuova pubblicazione mira ad essere lo strumento di comunicazione e coordinamento del Forum dei Direttori generale della Federazione che opera in assonanza e stretta collaborazione con i Comuni. Direttore responsabile è Claudio Risso, giornalista e Direttore Federsanità Anci Piemonte. Direttori editoriali: Maurizio Dore, amministratore unico di Federsanità Servizi srl e Gian Paolo Zanetta, presidente Federsanità Anci Piemonte. Coordinatore del Comitato Scientifico: Giovanni Messori Ioli, direttore sanitario dell’Asl CN2.

13 NOV - Una nuova creatura prende vita nelle già molteplici iniziative e progetti di Federsanità Anci. Si tratta di una pubblicazione trimestrale che sarà lo strumento di comunicazione e coordinamento del Forum dei Direttori generale della Federazione che opera, fin dalla sua fondazione, in assonanza e stretta collaborazione con i Comuni. “Sanità 4.0”, questo è il titolo della pubblicazione si avvale di un prestigioso comitato scientifico il cui coordinatore sarà Giovanni Messori Ioli, direttore sanitario dell’Asl CN2.

Grande soddisfazione è stata espressa dal Presidente del Forum dei Direttori generali di Federsanità Anci, Enrico Desideri che ne ha tracciato le peculiarità: “La direzione strategica delle Aziende Sanitarie italiane sono, negli ultimi anni, chiamate ad una sfida molto complessa che ci vede affrontare, a fronte di stretti vincoli finanziari, una straordinaria transizione demografica ed una evoluzione epidemiologica, che ormai molti autori descrivono come ‘tempesta perfetta’!”.

“Il tema della sostenibilità – ha proseguito Desideri - è, inoltre, reso più difficile da una forte spinta alla innovazione tecnologica, che, pur a fronte di un sensibile miglioramento degli esiti delle cure, ha determinato una crescita dei costi intermedi. In particolare, la presa in cura delle persone affette da una o, spesso, più malattie croniche obbliga i sistemi sanitari ad una profonda revisione dell'approccio, ormai obsoleto, ove come torri eburnee separate operano le equipe specialistiche e le Aggregazioni Funzionali delle Cure Primarie, andando, invece, verso un sistema capace di collegare fra loro i settings assistenziali in Reti integrate per garantire la continuità (anche percepita) delle cure, ma anche la presa in carico pro-attiva, in prossimità assicurando cosi equità di accesso alle cure. Questo nuovo modello concettuale (Population Based Health Care) deve, inoltre garantire la personalizzazione dei PDTA, l'appropriatezza clinica e una maggiore attenzione alla prevenzione. Da queste poche righe è facilmente comprensibile la necessità che questa impresa non la possiamo affrontare da soli!”.
 
“Nella speranza che l'evoluzione normativa e contrattuale, ad es. delle cure primarie, possa assecondare e supportare queste nostre sfide – ha evidenziato Desideri -, per noi Direttori delle Aziende Sanitarie appare sempre più irrinunciabile l'apporto degli 8.000 (e oltre) comuni italiani sia per l'integrazione nel campo del sociale (si pensi ai temi della povertà assoluta e relativa, delle vulnerabilità sociali, delle disabilità e delle immigrazione), sia per la loro irrinunciabile capacità di rappresentare i bisogni della comunità che a loro fanno riferimento. Ma anche questa nuova ‘Collaborative Culture’ non può e non deve essere data per scontata, ma va sostenuta e facilitata come fattore strategico e determinante per la salute socio – sanitaria delle nostre popolazioni”.

Una Sanità 4.0, dunque, centrata sul paziente, guidata dalla conoscenza e fondata sul valore basato sia sugli esiti per la salute, sia sugli outcome per i costi, sia sulla innovatività nella allocazione delle risorse ai vari setting, in funzione dei bisogni dei sottogruppi di popolazione.

“Per descriverlo, Seneca era solito ricorrere ad una metafora nautica; non c'è vento che aiuti, se non sappiamo il porto verso cui siamo diretti”, ha concluso Desideri.

Direttore responsabile della pubblicazione è Claudio Risso, giornalista e Direttore Federsanità Anci Piemonte. Due sono i Direttori editoriali: Maurizio Dore, amministratore unico di Federsanità Servizi srl e Gian Paolo Zanetta, Presidente Federsanità Anci Piemonte.

La pubblicazione è sostenuta da Roche Spa che da tempo collabora con Federsanità Anci e che, nel corso della presentazione è intervenuta con il suo National Market Access Leader, Luigi Gambardella.

13 novembre 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy