Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 25 SETTEMBRE 2018
      
      Federsanità
segui quotidianosanita.it

Frittelli (Federsanità) al congresso degli infermieri: “Nelle direzioni strategiche Asl posto al direttore delle professioni sanitarie”

Anche per questo abbiamo deciso di avviare come Federsanità Anci, accanto al tradizionale Forum dei direttori generali, anche quello delle professioni sanitarie affinché si definisca al più presto un luogo di confronto e proposta su questi temi. Bisogna creare consapevolezza relativa ai diritti e doveri che operatori sanitari hanno nei confronti del paziente e, viceversa, e far sì che il paziente diventi sempre più cosciente dell'importanza della su partecipazione attiva e informata

06 MAR - Sono ormai maturi i tempi per inserire a pieno titolo nella direzione strategica delle aziende sanitarie la figura del direttore delle professioni sanitarie, accanto al direttore sanitario e al direttore amministrativo. Per questo motivo abbiamo deciso di avviare come Federsanità Anci, accanto al tradizionale Forum dei direttori generali, anche quello delle professioni sanitarie affinché si definisca al più presto un luogo di confronto e proposta su questi temi.
 
Dal 15 febbraio è avvenuta, infatti, l’automatica trasformazione dei previgenti Collegi delle professioni sanitarie, anticamente diplomate, in Ordini professionali così come indicato dalla legge n. 3 dell’11 gennaio 2018, pubblicata in G.U. il 31 gennaio 2018.

Una rivoluzione non formale per la sanità italiana, che per questa riorganizzazione ha atteso 70 anni. Se vogliamo che non si tratti solo di un cambiamento nominalistico bisogna capire che contenuti dare alla professione. Il Servizio sanitario nazionale per sopravvivere ha bisogno di cambiare pelle e, in tutti i processi innovativi di governance, quella dell’infermiere e’ una figura cruciale:

1) Punto di snodo nell’ambito dell’operation management per la co-gestione delle piattaforme di erogazione dei servizi interni (sale operatorie, aree ambulatoriali, degenza per intensità di cura), per l’ottimizzazione dei flussi e dei percorsi fisico-logistici dei pazienti, per il bed management

2) Co-gestione di processi strategici per l’azienda e per il paziente quali la prevenzione delle infezioni ospedaliere e la misurazione e gestione del dolore
 
3) Gestione dei servizi nei quali sia prevalente la componente sanitaria (pulizie, lavanolo, sterilizzazione, rifiuti, trasporto infermi, logistica del farmaco e dei dispositivi) e supporto per le funzioni di informatica sanitaria

4) Co- gestione del rischio clinico ed organizzativo

5) Attività autonome di supporto clinico (es ambulatori infermieristici per le medicazioni, la gestione delle stomie, ecc)
 
6) Monitoraggio degli esiti assistenziali di competenza, quale strumento sinergico per l’appropriatezza delle cure

7) Punto di riferimento nell’integrazione ospedale-territorio, anche attraverso l’affiancamento proattivo dei caregivers non professionisti, per la gestione delle cronicità
 
L’obiettivo finale è quello di contribuire fattivamente al recupero della frattura culturale che si è venuta a creare tra operatore sanitario e persona malata.
Un rapporto che incide fortemente sull'aderenza alle terapie, ma che nel tempo si è sempre più disgregato. Bisogna invece creare consapevolezza relativa ai diritti e doveri che operatori sanitari hanno nei confronti del paziente e, viceversa, e far sì che il paziente diventi sempre più cosciente del fatto che la propria partecipazione attiva e informata è determinante per il ripristino dei livelli di salute. In questa direzione il ruolo dell’operatore sanitario è assolutamente strategico e dirimente.

Tiziana Frittelli
Presidente Federsanità ANCI 

Intervento svolto alla giornata inaugurale del 1° congreso Fnopi

06 marzo 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy