Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 22 GENNNAIO 2020
Friuli Venezia Giulia
segui quotidianosanita.it

Controriforma sanità. Fedriga e Riccardi: “Con l’Azienda Zero si cambia passo”

Il governatore e il suo vice, in diretta Facebook, hanno evidenziato come la nuova governance sia “frutto di confronto e ascolto”. La gestione della Giunta regionale precedente, hanno detto, “ha provocato un passivo di 60 milioni di euro che pesa sulle casse pubbliche. Il cambiamento radicale è evidente con l'istituzione dell'Azienda Zero, ovvero la struttura che coordinerà le attività di staff per tutte le aziende territoriali, tagliate nel numero e negli sprechi ma potenziate nel servizio”.

12 OTT - “La riforma sanitaria del Friuli Venezia Giulia che stiamo varando riscontra consensi nella sostanza e critiche pretestuose al di fuori del merito: significa che stiamo andando nella giusta direzione, quella dei cittadini”.  È questo il messaggio che governatore e vicegovernatore (con delega alla Salute) del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga e Riccardo Riccardi, hanno lanciato nel corso di una diretta Facebook improntata principalmente sul tema della nuova riforma sanitaria.

Fedriga ha quindi evidenziato come la nuova governance sia frutto di “confronto e ascolto, presupposti fondamentali per acquisire da tutti gli addetti ai lavori le informazioni necessarie ad attivare le scelte attualmente più idonee e sostenibili per il territorio”.

L'obiettivo, hanno ribadito Fedriga e Riccardi, è quello di dare risposte, le migliori possibili, agli utenti del sistema sanitario, ovvero “a coloro i quali lo utilizzano per bisogni vitali e sono interessati a tempi e qualità della prestazione e non alle posizioni politiche pregiudiziali”.


Un lavoro, dunque, frutto della capillare interlocuzione con i portatori di interesse e le parti sociali, “tenendo conto di tutte le preoccupazioni legate a un sistema già stressato dalle scelte del passato, con un modello salute del Friuli Venezia Giulia che sta perdendo attrattività in quanto la confusione creatasi fra ospedale e territorio è tale da indurre a evitare scontri frontali e insanabili divisioni”.

La gestione della Giunta regionale precedente, hanno commentato ancora Fedriga e Riccardi, “ha provocato un passivo di 60 milioni di euro che pesa sulle casse pubbliche. Il cambiamento radicale è evidente con l'istituzione dell'Azienda Zero, ovvero la struttura che coordinerà le attività di staff per tutte le aziende territoriali, tagliate nel numero e negli sprechi ma potenziate nel servizio. L'Azienda Zero, infatti, gestirà anche acquisti, rendendoli più veloci e convenienti, e un'informatizzazione al momento inadeguata ed inefficace, incapace di fornire una cartella sanitaria elettronica”.

Per il presidente il suo vice “ci vorrà tempo e serviranno ulteriori passaggi per rimediare a una situazione drammatica che coinvolge un sistema da 2,7 miliardi di euro all'anno su un bilancio regionale che supera di poco i 5”. L'impegno, garantito da Fedriga e Riccardi, “sarà comunque nei confronti dell'intera comunità, sanitariamente divisa in tre aree (Ts-Go, Ud e Pn) ma con specifiche tutele e autonomia gestionale per ogni territorio”.
 
Affrontati, nel corso della diretta, anche i temi di un 112 da dotare di tecnologia avanzata per la geolocalizzazione, così come va risolto il problema della doppia chiamata in quanto, è stato ricordato, il 60 per cento delle richieste riguardano interventi per la salute.

Tutto questo, hanno concluso Fedriga e Riccardi, “è il prodromo alla grande sfida del 2019, quella della programmazione sanitaria, con il paziente che, a seconda della patologia, dovrà avere a disposizione un'offerta completa garantita, a seconda dei casi, da un ospedale più piccolo o da uno più grande”.
 

12 ottobre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Friuli Venezia Giulia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy