Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 06 LUGLIO 2020
Friuli Venezia Giulia
segui quotidianosanita.it

Infermieri. Nursind: “Bene Corte Appello Trieste, iscrizione ad albo a carico della PA in cui lavora”

Obbligo di inscrizione e diritto al rimborso della relativa spesa da parte della pubblica amministrazione in cui l’infermiere lavora a tempo pieno e indeterminato, ma soprattutto in regime di esclusività. La Corte d’Appello di Trieste ha dato ragione ai 215 infermieri che a luglio scorso presentarono con il Nursind un ricorso al Tribunale di Pordenone. Bottega: "Per noi si tratta di una vittoria importante destinata a fare giurisprudenza". 

29 MAG - “Obbligo di iscrizione all’albo e diritto al rimborso della relativa spesa da parte della pubblica amministrazione in cui l’infermiere lavora a tempo pieno e indeterminato, ma soprattutto in regime di esclusività. La Corte d’Appello di Trieste non solo dà ragione ai 215 infermieri che a luglio scorso presentarono con il Nursind un ricorso al Tribunale di Pordenone, ma delinea finalmente in maniera netta la situazione lavorativa dell’intera categoria”.
 
Così Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind, commenta la sentenza del 5 marzo le cui motivazioni sono state appena rese note. “E’ quello che abbiamo sempre sostenuto. Per noi si tratta di una vittoria importante destinata a fare giurisprudenza. Da oggi in poi, sarà chiaro a tutti che l’infermiere dipendente pubblico lavora in regime di esclusività e che non può svolgere la propria professione per terzi, a differenza dei medici a cui, per legge, non è preclusa la libera professione”. 
 
E’ proprio da questo assunto, spiega il sindacato, che “discendono le conclusioni della Corte d’appello di Trieste e cioè che i costi dell’iscrizione all’albo, quando sussiste il vincolo di esclusività, devono gravare sull’azienda sanitaria pubblica che beneficia in via esclusiva dell’attività professionale degli infermieri. Come già accade, insomma, per la categoria degli avvocati dipendenti della pubblica amministrazione”. “E’ evidente che questa sentenza - conclude Bottega - finirà col condizionare lo stato delle finanze pubbliche ma servirà pure da sprone nei confronti del legislatore, nell’ottica della liberalizzazione dell’attività professionale autonoma dell’infermiere".

29 maggio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in QS Friuli Venezia Giulia

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy