Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 20 FEBBRAIO 2018
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Osteopati Apo: “Ora tempi certi e trasparenza per definizione funzioni osteopata”

22 DIC - “Il DDL Lorenzin descrive le potenzialità riformiste della buona politica che disponga del coraggio e degli strumenti culturali per far evolvere il ‘sistema Italia’. Un articolato complesso ed esaustivo che ha saputo privilegiare la qualità delle risposte, a partire dall'ascolto di tutti e dall'elaborazione culturale fondata sulle evidenze e sulle finalità innovative. Il risultato rende merito al Governo e ai Gruppi parlamentari che lo hanno sostenuto”. Questo il primo commento di Federico Franscini, vice presidente Apo (Associazione Professionale degli Osteopati) all’approvazione del Ddl Lorenzin.

“Nel giorno dell' approvazione del DDL – prosegue Franscini - auspichiamo continuità istituzionale nel metodo e nel merito dei provvedimenti in esso contenuti. In particolare, come rappresentanti degli osteopati esclusivi, chiediamo tempi certi e modalità trasparenti per la definizione delle funzioni sanitarie di questa attività, dei criteri di valutazione dell'esperienza dichiarata e del valore dei titoli equipollenti, in puntuale riferimento all'art. 7 della stessa legge”.


“Tre mesi – ricorda il vicepresidente Apo - è il lasso temporale previsto per identificare gli operatori idonei, ovvero per tutelare i cittadini e i professionisti sanitari che si rivolgano o intendano cooperare con le nuove figure sanitarie; sei mesi il periodo definito per mettere ordine nella giungla dei corsi autoreferenziali, non autorizzati e contestabili in questa materia. Ogni ritardo rispetto ai tempi previsti per l'istituzione delle nuove professioni renderebbe vano il lavoro svolto e comporterebbe ulteriore precarietà giuridica e sanitaria”.

L’Apo chiede “che si attivino al più presto i meccanismi di consultazione preliminari e le modalità per la produzione degli atti ministeriali conseguenti. Anche questa, infatti, è efficienza e innovazione, non essendo per altro gli Organi identificati allo scopo direttamente interessati al rinnovo della legislatura. Gli osteopati che svolgono esclusivamente questa professione, disponendo di certificazioni culturali e di esercizio, intendono fornire dimostrazioni di coerenza e cooperare ancora per giungere al loro completo riconoscimento. L'auspicio è quello di pervenire presto ad una norma ispirata alle migliori realtà europee, che possa diventare a sua volta modello eccellente di integrazione sanitaria, cura interdisciplinare e prevenzione”.

22 dicembre 2017
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy