Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 22 OTTOBRE 2018
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Prada (Andi): “Finalmente una legge che difende i cittadini dai finti dentisti”

22 DIC - “Un passaggio storico per la professione odontoiatrica che chiude una battaglia che ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) porta avanti ad oltre 70 anni contro i finti dentisti”. Sono queste le parole a caldo del Presidente Nazionale Andi (Associazione Nazionale Dentisti Italiani), Gianfranco Prada, che aggiunge: “un bel regalo di Natale per il nostro Paese, per la nostra professione ma soprattutto per i cittadini”.

Un provvedimento, evidenzia l’Andi, “che contiene una serie di norme attese relative alla riforma degli Ordini professionali, alle modalità per il riordino delle professioni sanitarie (con la creazione dell'Ordine anche per gli Igienisti dentali), che permetterà di dare più autonomia ordinistica alla componente odontoiatrica ma soprattutto, all'art. 12, le nuove pene in merito all'esercizio abusivo delle professioni”.

“Finalmente nel nostro Paese si dota di un reale deterrente per chi commette il reato di esercizio abusivo della professione o determina altri a commetterlo, con reclusione da 6 mesi a 10 anni e multe da 10.000 a 75.000 euro. E' prevista inoltre anche la pubblicazione della sentenza e la confisca dei beni utilizzati per commettere il reato. I beni immobili confiscati sono trasferiti ai Comuni per finalità sociali ed assistenziali”.


“Da oggi chi inganna e truffa ignari pazienti spacciandosi per dentista sarà, finalmente, pesantemente punito”, continua Prada. “Si tratta di un risultato storico per il quale la nostra Associazione si è battuta sin dagli anni della sua costituzione. Fin dal primo incontro col Ministro della Salute Lorenzin è stata la nostra richiesta primaria, recepita con particolare sensibilità dal Ministro stesso”.

“Intensissima – si evidenzia nella nota del leader dell’associazione - è stata poi l'attività lobbistica compiuta da Andi sia per far approvare il Dddl Marinello (che contiene sostanzialmente le stesse pene) già approvato dal Senato e bloccato da anni alla Camera, sia per far arrivare all'approvazione finale il testo del Ministro Lorenzin”.

“Ringrazio il Ministro Lorenzin, il Parlamento e tutti coloro che si sono battuti e ci hanno sostenuto in questa battaglia per fare rispettare le regole e soprattutto per tutelare la salute dei cittadini”, conclude Prada.

22 dicembre 2017
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy