Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 OTTOBRE 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Nursing Up: "Bene Odg, ma sarebbe stato meglio affrontare la questione con un provvedimento ad hoc"


02 GEN - “Bene l’Odg accolto dal Governo come raccomandazione in sede di esame finale della manovra finanziaria lo scorso 29 dicembre. Apprendiamo con piacere dagli organi di stampa che il Governo si sia reso conto delle grosse criticità rappresentate dal comma 283 bis introdotto con un emendamento in manovra finanziaria, e dei rischi che lo stesso potrebbe comportare. Si tratta di una modifica alla legge 42/99, che concede una deroga anche a chi non ha i titoli abilitanti per l’iscrizione agli albi professionali, basta che abbia lavorato 36 mesi negli ultimi dieci anni”. Così Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up.
 
“Siamo stati i primi a segnalare la problematica - continua De Palma - perché è una norma a nostro parere scritta male, che si presta a pericolose interpretazioni. Ribadiamo ancora il principio secondo il quale nessuno può improvvisarsi professionista sanitario senza possederne conoscenze, competenze e capacità comprovate da un idoneo corso di studi e dal riconoscimento da parte delle istituzioni formative a ciò abilitate”.

“Pur confermando le nostre perplessità e tutte le riserve possibili su un provvedimento come questo, riteniamo positivo che il Governo abbia accolto l’Odg presentato dalla deputata Bellucci in relazione all’introduzione di criteri qualitativi, oltre quelli previsti. Nel testo si afferma, recependo in pieno il nostro allarme, che la genericità degli elementi temporali non accompagnata da elementi qualitativi potrebbe determinare una vera e propria sanatoria per i soggetti che hanno esercitato al di là di quel che era loro consentito, cioè gli abusivi che esercitano una professione sanitaria senza averne titolo. In ragione di questo - scrive De Palma - troviamo incomprensibile l’avvenuta introduzione di norme che producono un grave impatto sul sistema professionale attraverso l’utilizzo di un siffatto espediente legislativo. Ci chiediamo in definitiva se non fosse stato meglio dedicare alla questione uno specifico provvedimento in cui dettagliare i destinatari e gli obiettivi sottesi, invece di creare un potenziale varco anche per taluni abusivi che, lo ribadiamo con le parole del documento, non devono e non possono essere in alcun caso salvaguardati da Istituzioni e leggi dello Stato.
 

02 gennaio 2019
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy