Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 27 NOVEMBRE 2020
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Pirro (M5S): “Il Mes non serve”


23 OTT - Il governo ha stanziato oltre 5 miliardi dall’inizio dell’emergenza. Una cifra che per la sanità non si era mai vista: fondi per le assunzioni, per le terapie intensive, per il contact tracing, per le Usca. Ma a fronte di tutto questo purtroppo stiamo pagando dei ritardi. Non tutte le Regioni infatti stanno impiegando le risorse messe a disposizione e nel frattempo sentiamo parlare del Mes come panacea di tutti i mali. Non è così. In questi mesi tutti i limiti della riforma del Titolo V della Costituzione sono drammaticamente venuti a galla: dalla situazione lombarda che negli anni ha depotenziato il pubblico in favore dei privati, alla Campania e alla Calabria dove la sanità paga dei ritardi atavici, all’Umbria dove la giunta Tesei sembra voler intraprendere la strada lombarda nel potenziamento dei privati. In questo quadro si inserisce l’emergenza covid-19”. Così, in un post sul Facebook, la capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità Elisa Pirro.

Da un lato quindi, prosegue, “c’è il governo che ha stanziato risorse che ancora si fatica a spendere a causa di alcune inefficienze regionali. Dall’altra c’è chi chiede a gran voce di usare il Mes che però - cosa ribadita dal ministro Gualtieri - non servirebbe per nuove spese, per nuove strutture e ospedali, ma solo per pagare ciò che ci si è già impegnati a finanziare, nel caso in cui l’Italia si trovasse in crisi di liquidità. Cosa inesistente, ha ricordato lo stesso ministro, visto l’enorme successo di tutte le aste dei nostri titoli di Stato, che nelle scadenze più brevi pagano addirittura interessi negativi. Le Regioni oggi hanno i fondi necessari e ne arriveranno altri: nella legge di Bilancio ci sono 4 miliardi per la sanità. Ma a fronte di tutto questo, i posti letto in terapia intensiva dovevano passare da 5.179 a 8.679 e sono fermi a 6.628, il personale che andava assunto per il tracciamento è stato aumentato di pochissime unità rispetto al necessario, stessa cosa per le Usca che sembrerebbero essere la metà di quelle previste. Questo governo sta facendo il possibile per sopperire alla mancata programmazione, ai fondi che sono stati tagliati negli anni, alle lacune del regionalismo sanitario ma è davvero necessario che le Regioni inadempienti si attivino il più possibile. Non c’è più tempo da perdere“.

23 ottobre 2020
© Riproduzione riservata

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy